Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

"Bonifica delle coperture non praticabili ed utilizzo delle reti di sicurezza" di Luca Rossi

Pubblichiamo nella rubrica settimanale "Diario di cantiere" l'approfondimento "Bonifica delle coperture non praticabili ed utilizzo delle reti di sicurezza" di Luca Rossi, ingegnere, ricercatore del Laboratorio cantieri temporanei o mobili del Dipartimento Innovazioni Tecnologiche presso INAIL.

Manuale di Primo Soccorso sula lavoro e in casa
Bonifica delle coperture non praticabili ed utilizzo delle reti di sicurezza

La bonifica delle coperture non praticabili è una di quelle attività in cui, soprattutto nell’ambito degli edifici industriali, è da valutare attentamente l’utlizzo delle reti di sicurezza.

Queste coperture sono non praticabili in quanto su di esse non è possibile l’accesso ed il transito di persone, senza predisposizione di particolari mezzi e/o misure di sicurezza contro il pericolo di caduta di persone e/o di cose dall’alto e contro i rischi di scivolamento.
La rimozione degli elementi che costituiscono la copertura presuppone la corretta effettuazione della valutazione del rischio. Il rischio prevalente è quello di caduta dall’alto del lavoratore conseguente allo sfondamento della copertura non praticabile e/o alla caduta laterale dello stesso; essi possono provocare morte o lesioni gravi e di carattere permanente.

L'articolo completo di Luca Rossi è disponibile in area riservata.