Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

"I ruoli, le competenze, i poteri e le procedure” di Anna Guardavilla

Pubblichiamo l'approfondimento "I ruoli, le competenze, i poteri e le procedure” di Anna Guardavilla.

Devolvi il tuo 5 x mille ad Associazione Ambiente e Lavoro Internazionale ONLUS
I “RUOLI”, LE “COMPETENZE”, I “POTERI” E LE “PROCEDURE”.
L’ORGANIZZAZIONE INTERNA PER LA GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA IN AZIENDA

L’organizzazione della sicurezza all’interno dell’azienda passa anzitutto attraverso la definizione dei ruoli, dei compiti e delle responsabilità dei soggetti destinatari della normativa prevenzionistica nonché attraverso l’individuazione di procedure atte a consentire
la predisposizione e l’attuazione delle misure di prevenzione e protezione individuate in sede di valutazione dei rischi e dalla legge in via tassativa.
L’implementazione di un “buon” sistema organizzativo sotto il profilo dei ruoli soggettivi, cioè di un sistema “coerente” con quanto previsto dall’ordinamento giuridico e al contempo realmente funzionale a permettere l’applicazione delle tutele e quindi, a monte, degli obblighi prevenzionistici, può essere realizzato solo mediante un’attenta analisi delle competenze e dei poteri esercitati di fatto all’interno dell’organizzazione e dei ruoli realmente svolti, in applicazione del cosiddetto “principio di effettività” che da sempre
domina la materia prevenzionistica.

Per proseguire nella lettura dell'articolo vai al primo link...