Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

"L’ennesima sfida della pandemia Covid-19: esiste un obbligo vaccinale nei contesti lavorativi?" un saggio di Paolo Pascucci e Angelo Delogu

Pubblicato sul n. 1/2021 della Rivista dell'Osservatorio Olympus "Diritto della Sicurezza sul Lavoro" il saggio di Paolo Pascucci (professore ordinario di Diritto del lavoro nell’Università di Urbino Carlo Bo) e Angelo Delogu (ssegnista di ricerca in Diritto del lavoro nell’Università di Urbino Carlo Bo) intitolato "L’ennesima sfida della pandemia Covid-19: esiste un obbligo vaccinale nei contesti lavorativi?".

Devolvi il tuo 5 x mille ad Associazione Ambiente e Lavoro Internazionale ONLUS
Con riferimento alla pandemia da Covid-19, il saggio analizza le complesse problematiche connesse alla sussistenza di un obbligo del datore di lavoro di chiedere ai lavoratori di vaccinarsi e correlativamente di questi ultimi di sottoporsi alla vaccinazione. L’analisi prende le mosse dalla previsione dell’art. 32 della Costituzione, che consente di prevedere l’obbligatorietà di un determinato trattamento sanitario – come è sicuramente la vaccinazione – solo in base ad una disposizione di legge statale, e mira a verificare se, pur in assenza di una specifica legge in tal senso, l’obbligo di vaccinazione sia desumibile da altre norme dell’ordinamento del lavoro come l’art. 2087 del codice civile e l’art. 279 del d.lgs. n. 81/2008, formulando anche una proposta interpretativa in merito alle possibili conseguenze della mancata vaccinazione con riferimento al sistema di sorveglianza sanitaria aziendale.

L’ennesima sfida della pandemia Covid-19: esiste un obbligo vaccinale nei contesti lavorativi?

SOMMARIO
1. Finalmente i vaccini
2. Il dibattito sull’obbligo vaccinale
3. L’art. 32 Cost.
4. La riserva di legge di cui all’art. 32 Cost.
5.1.1. L’art. 2087 c.c. come norma “attuativa” della riserva di legge? La questione dell’art. 29-bis del d.l. n. 23/2020
5.1.2. La “genericità” dell’art. 2087 c.c.
5.2. Misura di prevenzione e trattamento sanitario
6.1. L’art. 279 del d.lgs. n. 81/2008.
6.2. Il campo di applicazione del Titolo X del d.lgs. n. 81/2008
6.3. La classificazione del virus SARS-CoV-2
6.4. La messa a disposizione di vaccini efficaci
6.5. Art. 279 e sorveglianza sanitaria
7.1. La legge di bilancio 2021 e il piano strategico per la vaccinazione
7.2. Art. 32 Cost., obblighi e raccomandazioni nell’orientamento della Corte costituzionale
8. Il ruolo del medico competente
9. Le ipotetiche criticità della ricostruzione proposta
9.1. I limiti all’operatività dell’obbligo di nomina del medico competente
9.2. Il concetto di idoneità alla mansione specifica nel diritto della salute e sicurezza sul lavoro
9.3. Sulla presunta temporaneità
dell’inidoneità alla mansione
10. Conclusioni

Fonte: Olympus