Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

"L’importanza della normazione tecnica volontaria" di Paola Cenni

Pubblichiamo l'approfondimento tecnico "L’importanza della normazione tecnica volontaria per capire e valutare il livello di benessere psicofisico, sicurezza sul lavoro e performance produttiva. Norme ergonomiche UNI EN ISO e buone prassi sul problema del carico mentale e dello stress lavoro-correlato" di Paola Cenni, rappresentante SIE nell'ambito della Commissione Ergonomia di UNI.

Devolvi il tuo 5 x mille ad Associazione Ambiente e Lavoro Internazionale ONLUS
L’importanza della normazione tecnica volontaria per capire e valutare il livello di benessere psicofisico, sicurezza sul lavoro e performance produttiva. Norme ergonomiche UNI EN ISO e buone prassi sul problema del carico mentale e dello stress lavoro-correlato

Presso il Ministero dello Sviluppo Economico si è tenuto recentemente un Convegno, organizzato dall’Ente Italiano di Normazione (UNI), per richiamare l’attenzione dei principali stakeholders italiani (economici e istituzionali) sulla normazione tecnica volontaria e sulla sua influenza nella politica economica nazionale. Fra le presenze di Enti ed Istituzioni significative: i Presidenti di UNI, CEI, INAIL, CNA; il Coordinatore delle Professioni Tecniche e politici di Camera e Senato.

Innanzi tutto è stato chiarito che fare normazione significa elaborare e pubblicare documenti, da applicare (su base volontaria), per dare indicazioni su “come fare bene le cose”: sinonimo di “buona pratica”, raccomandata quando è necessario garantire sicurezza, qualità, tutela dell’ambiente e dei consumatori. Attraverso i valori caratteristici della normazione (consensualità, democraticità, trasparenza e volontarietà) è possibile colmare le “carenze” del sistema in aree prive di riferimenti ufficiali, attraverso indicazioni certe e condivise, allo scopo di semplificare il quadro di riferimento regolamentare con opportune integrazioni applicative. Nel fornire metodi e strumenti adeguati per supportare l’innovazione e la competitività sana (nel senso di mantenere comunque la persona al centro dell’attenzione), tali integrazioni hanno consentito un aumento del PIL fino all’ 1% nei Paesi in cui questa cultura si è già consolidata (vedi Germania, Francia, Gran Bretagna).

Il Convegno organizzato da UNI presso il Ministero dello Sviluppo Economico va inteso anche come tentativo di orientare maggiormente le Istituzioni italiane in questa direzione.

Per leggere l'articolo completo andare al primo link.

CHI SIAMO

Associazione Ambiente e Lavoro fondata da Rino Pavanello
Ambiente e Lavoro è una Associazione, senza scopo di lucro, riconosciuta dal Ministero dell'Ambiente con decreto 1 marzo 1988...

... [continua]

CERTIFICAZIONI

Sede accreditata dalla REGIONE LOMBARDIA per attivita' di formazione superiore e continua...segue

Certificato UNI ISO 29990:2011 n. P2650
---------------
Certificato UNI EN ISO 9001:2008 n. 8139