Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

"L’obbligo di applicare la migliore sicurezza tecnologicamente fattibile, come desumibile da circolari ministeriali, norme tecniche e simili" di Rolando Dubini

Pubblichiamo l'approfondimento "L’obbligo di applicare la migliore sicurezza tecnologicamente fattibile, come desumibile da circolari ministeriali, norme tecniche e simili" dell'Avv. Rolando Dubini.

Devolvi il tuo 5 x mille ad Associazione Ambiente e Lavoro Internazionale ONLUS
La normativa ambientale nei Paesi dell'Unione Europea: alcune realtà a confronto

1. Sul valore giuridico delle circolari, lettere cericolari ecc.

Il nostro sistema giuridico è fondato sulle «fonti del diritto»: sono le norme su cui si fonda il nostro stato di diritto, sono riferimento vincolante per tutti i cittadini, per la Pubblica Amministrazione e per gli stessi organi legislativi.
Queste fonti del diritto sono collocate a differenti livelli, secondo una logica piramidale.
Al vertice della piramide legislativa c’è la Costituzione italiana, le leggi costituzionali e di revisione costituzionale (fonti superprimarie), gli statuti delle regioni a statuto speciale, i trattati costitutivi dell’Unione Europea, i regolamenti e le direttive dell’UE; la legge approvata dal parlamento o dal Governo (fonti primarie) non può mai derogare alla
fonte suoerprimaria del diritto che, appunto, crea una serie di principi invalicabili per il legislatore.
Ci sono delle norme della Costituzione che non possono essere modificate in nessun modo, quali quelle sulle libertà fondamentali dell’uomo e sulla forma repubblicana dello Stato italiano; altre norme sono invece modificabili con le leggi costituzionali, ritenute di pari rango della Costituzione.
Al secondo gradino (fonti primarie) ci sono leggi, decreti legge, decreti legislativi e referendum abrogativo che, a loro volta, devono rispettare Costituzione e i trattati internazionali (fonti superprimarie), e altresì costituiscono il parametro per i decreti del Governo e i regolamenti ministeriali nonché per le leggi regionali che, a loro volta, sono le fonti secondarie (fonti secondarie).

L'articolo completo di Rolando Dubini è disponibile al link sottostante.