Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

"La norma UNI EN 131-2 sulle scale portatili e la sperimentazione italiana" di Luca Rossi

Pubblichiamo nella rubrica settimanale "Diario di cantiere" l'approfondimento "La norma UNI EN 131-2 sulle scale portatili e la sperimentazione italiana" di Luca Rossi, ingegnere, ricercatore del Laboratorio cantieri temporanei o mobili del Dipartimento Innovazioni Tecnologiche presso INAIL.

La norma UNI EN 131-2 sulle scale portatili e la sperimentazione italiana

Le scale portatili sono attrezzature largamente diffuse e usate in ambiente di lavoro e di vita e vengono impiegate da milioni di persone comportando rischi elevati di incidenti.

Le tipologie di incidenti riguardano principalmente la stabilità nell’uso e la resistenza strutturale nei riguardi del comportamento alle sollecitazioni cicliche.

Tali caratteristiche non erano verificate con idonee prove dalla vecchia norma EN 131-2:2010 “Requisiti, prove, marcatura”, in quanto parzialmente e indirettamente valutate con considerazioni geometriche per quanto concerne la stabilità, e con prove di carattere esclusivamente statico per la resistenza strutturale.

La EN 131-2:2010 non prevedeva prove specifiche per la valutazione di tali caratteristiche, sebbene da parte di alcuni stati membri ne era stata sentita l’esigenza, anche attraverso la presentazione di esperienze sperimentali nazionali (Italia, Regno Unito, Olanda, Belgio). Il mancato accordo tecnico era dovuto, oltre che alle resistenze di carattere commerciale, anche alla mancata introduzione di idonei requisiti condivisi tra le parti e da tipologie di prove spesso non confrontabili fra loro.

Per leggere l'articolo completo di Luca Rossi andare al primo link.