Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

"La normativa ambientale nei Paesi dell'Unione Europea: alcune realtà a confronto" di Edoardo Tobaldo

Pubblichiamo l'approfondimento "La normativa ambientale nei Paesi dell'Unione Europea: alcune realtà a confronto" di Edoardo Tobaldo.

Devolvi il tuo 5 x mille ad Associazione Ambiente e Lavoro Internazionale ONLUS
La normativa ambientale nei Paesi dell'Unione Europea: alcune realtà a confronto

La normativa ambientale è quasi interamente di derivazione europea: una semplice analisi della produzione legislativa italiana in materia ambientale evidenzia che molte norme che disciplinano questa materia, ad esempio inerenti la classificazione di determinate sostanze (ed il conseguente divieto di utilizzo), o l’introduzione di limiti più restrittivi da rispettare, sono il recepimento di regolamentazioni europee.
È interessante notare come invece l’AUA rappresenti una novità, oltre che per l’idea di semplificazione amministrativa (in particolare per quanto riguarda il rilascio di un atto unico per la disciplina delle diverse esternalità ambientali) anche per quanto riguarda l’iniziativa del legislatore italiano, dato che essa non deriva dall’obbligo di applicazione di una direttiva
europea.
Ho provveduto pertanto a dare un’occhiata oltre confine per valutare se questo percorso rappresenta una peculiarità solo italiana, o se invece le problematiche sollevate (e la ricerca di soluzioni in questo senso) ci accomunano ad altri Stati Membri.

L'articolo completo di Edoardo Tobaldo è disponibile al link sottostante.