Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

"Zoonosi vettore trasmesse: rischi occupazionali" scheda informativa INAIL

Le zoonosi vettore trasmesse sono infezioni o malattie acquisite tra animali e uomo mediante la puntura e/o morsicatura di vettori infetti (per lo più zanzare, zecche e flebotomi, in grado di trasmettere l’agente patogeno). Costituiscono un importante problema di sanità pubblica in quanto rappresentando il 75% delle malattie emergenti a livello mondiale.

Manuale di Primo Soccorso sula lavoro e in casa
Le zoonosi costituiscono un importante problema di sanità pubblica rappresentando il 75% delle malattie emergenti a livello mondiale, molte delle quali sono vettore-trasmesse. Considerata l’epidemiologia delle zoonosi e le complesse interazioni tra uomo, animali e ambiente, è necessario garantire, nel controllo e nella prevenzione di tali malattie, un approccio multidisciplinare e integrato noto con il termine One Health.

Il Ministero della Salute ha predisposto Piani nazionali di sorveglianza e monitoraggio integrati per affrontare in maniera coordinata le eventuali emergenze epidemiche. L’analisi della letteratura sulle principali zoonosi vettore-trasmesse in Europa e in Italia ha permesso di identificare le idonee misure di prevenzione occupazionali.

Fact sheet - ZOONOSI VETTORE TRASMESSE: RISCHI OCCUPAZIONALI

- Cosa sono le zoonosi vettore trasmesse
- Perché parlare di zoonosi vettore trasmesse?
- Affrontare la tematica con un approccio One Health
- Rischi occupazionali
- Le misure di prevenzione

Fonte: INAIL