Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

ADOC fornisce una piccola guida per riciclare correttamente la plastica

Non tutti gli oggetti in plastica possono essere messi nei bidoni della raccolta differenziata, l'ADOC - Associazione Difesa Orientamento Consumatori fornisce una piccola guida per evitare gli errori più comuni.

Devolvi il tuo 5 x mille ad Associazione Ambiente e Lavoro Internazionale ONLUS
La plastica, tra tutti i materiali da riciclo, è probabilmente quella che è possibile riciclare quasi interamente ma per poterlo fare è fondamentale conoscere e seguire alcune semplici regole. Non tutti gli oggetti in plastica possono essere messi nella raccolta differenziata.

ADOC fornisce una piccola guida per evitare gli errori più comuni.

COSA METTERE NEL SACCO DELLA PLASTICA:
- SI flaconi, contenitori, vaschette per alimenti, barattoli, sacchetti, bicchieri e piatti di plastica usa e getta lavati, confezioni della pasta, delle uova, sacchetti delle patatine e, in generale, tutti gli imballaggi in plastica.
- NO utensili da cucina, bacinelle, giocattoli in plastica, righe, squadrette, sedie in plastica, sottovasi, posate in plastica, occhiali, tubo da irrigazione e, in generale, tutti gli oggetti che non sono imballaggi.

LE TRE REGOLE FONDAMENTALI:
- Lavare accuratamente i contenitori per eliminare le tracce del loro contenuto (ad esempio i vasetti di yoghurt, se non sono lavati, vanno gettati nei rifiuti indifferenziati);
- Togliere le etichette di carta per smaltirle separatamente;
- Ridurre le dimensioni: lo spazio costa sia a livello di trasporto che nei processi di recupero successivi, per ridurlo basta schiacciarli.

ELETTRODOMESTICI E APPARECCHI ELETTRICI NON VANNO NEL BIDONE DELLA PLASTICA
Si tratta di rifiuti di tipo particolare che vengono denominati RAEE e in Italia sono oggetto di una speciale direttiva.
Ne fanno parte gli elettrodomestici, i telefoni e, in generale, tutte le apparecchiature elettriche o elettroniche (computer, stampanti, eccetera) presenti nelle nostre case e nei nostri uffici, nonostante abbiano una forte componente di plastica, non possono essere trattati come PE, PET e PVC e devono essere raccolti negli appositi Centri di raccolta.
I principali problemi derivanti da questo tipo di rifiuti sono dati dalla presenza di sostanze tossiche per l’ambiente. Questi prodotti devono essere trattati correttamente e destinati al recupero differenziato dei materiali di cui sono composti (rame, ferro, acciaio, alluminio, vetro, argento, oro, piombo, mercurio) evitando l’inquinamento dell’ambiente e lo spreco di risorse che possono essere riutilizzate per costruire nuove apparecchiature.

Fonte: ADOC