Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

ANMIL: parte il 28 aprile il "Tour per la sicurezza sul lavoro"

Parte il 28 aprile da Monfalcone (GO) il "Tour per la sicurezza sul Lavoro" di 4.000 Km, organizzato da ANMIL per sensibilizzare sulla sicurezza sul lavoro. In occasione della presentazione dell'iniziativa al Senato è stata promossa una petizione on-line per sollecitare maggiore attenzione alla prevenzione e alla tutela delle vittime di infortuni e malattie professionali.

Dossier 114
Si tratta di una sorta di “pellegrinaggio laico” che attraversa l’Italia per circa 4.000 km di cui una gran parte sarà percorsa su sedia a rotelle dal Presidente della Fondazione, Bruno Galvani (paraplegico dall’età di 17 anni per un gravissimo infortunio sul lavoro), che terminerà a Roma il 17 giugno con la consegna a Montecitorio delle firme raccolte dalle sedi ANMIL e tramite petizione on line a sostegno della sicurezza sul lavoro e della tutela delle vittime.
Per lasciare traccia del Tour verrà anche realizzato un docufilm che ne racconterà l’accoglienza e il sostegno ricevuti.

Oltre alla raccolta firme, l’ANMIL rivolge poi a giovani e studenti un appello ad inviare dei videomessaggi originali, di gruppo o individuali, come hanno già fatto numerosi personaggi noti del mondo della cultura, dello spettacolo e dello sport, che hanno dato il proprio sostegno al Tour in qualità di “Ambasciatori” attraverso l’invio di un videomessaggio pubblicato sul sito ufficiale del tour.

In occasione della presentazione in Senato del “Tour per la sicurezza sul lavoro” del 20 aprile, l’ANMIL ha voluto farsi promotrice di una petizione on-line per sollecitare maggiore attenzione alla prevenzione e alla tutela delle vittime di infortuni e malattie professionali. La petizione riguarda alcuni temi particolarmente sentiti dall’Associazione, come il riconoscimento di un indennizzo ai genitori dei lavoratori che abbiano perso la vita a causa di un incidente o di una malattia professionale e che non abbiano familiari a carico, una maggiore attenzione alla prevenzione degli infortuni al femminile, un più stretto collegamento tra le scuole di ogni ordine e grado e il mondo del lavoro in ottica di prevenzione.
La petizione, che in poche ore dal lancio ha ottenuto più di 100 adesioni, può essere liberamente sottoscritta da tutti coloro che vogliano dare il proprio sostegno all’Associazione e alle sue battaglie.

Fonte: ANMIL