Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

Approvata dalla Camera la Legge contro gli sprechi di alimenti e di farmaci

La legge contro gli sprechi alimentari è stata approvata dalla Camera a larga maggioranza, il testo passa ora al Senato per l'approvazione definitiva. Si potranno donare anche cibi e farmaci con etichette sbagliate, purché le irregolarità non riguardino la data di scadenza del prodotto o l'indicazione di sostanze che provocano allergie e intolleranze.

Devolvi il tuo 5 x mille ad Associazione Ambiente e Lavoro Internazionale ONLUS
Tra le novità rispetto al testo base, l'Aula ha approvato due emendamenti del Pd: il primo prevede che anche gli enti pubblici, e dunque non solo le onlus, potranno essere considerati "soggetti donatori". Il secondo stabilisce che si possono donare anche i cibi e farmaci con etichette sbagliate, purché le irregolarità non riguardino la data di scadenza del prodotto o l'indicazione di sostanze che provocano allergie e intolleranze. Non sarà poi richiesta la forma scritta per le donazioni gratuite di cibo, farmaci e altri prodotti, secondo quanto prevede un altro emendamento della Commissione approvato dall'Aula.
Via libera anche all'Ordine del giorno di Milena Santerini, del gruppo Democrazia Solidale-Centro Democratico, che impegna a mettere in rete anche le mense scolastiche e quelle ospedaliere. Infine più spazio alle cosiddette produzioni a "chilometro zero", che dovranno essere promosse dal ministero delle Politiche agricole nel quadro di azioni mirate alla riduzione degli sprechi.

Il provvedimento definisce per la prima volta nell'ordinamento italiano i termini di "eccedenza" e "spreco" alimentari, fa maggiore chiarezza tra il termine minimo di conservazione e la data di scadenza, e punta a semplificare le procedure per la donazione, nel rispetto delle norme igienico-sanitarie e della tracciabilità. È consentita la raccolta dei prodotti agricoli che rimangono in campo e la loro cessione a titolo gratuito; si dice in modo chiaro che il pane potrà essere donato nell'arco delle 24 ore dalla produzione; e per ridurre gli sprechi alimentari nel settore della ristorazione, è permesso ai clienti l'asporto dei propri avanzi con la "family bag".

"L'obiettivo principale della nuova legge è quello di favorire il recupero e provare a raddoppiare la donazione delle eccedenze – spiega la deputata Pd Maria Chiara Gadda, prima firmataria del provvedimento - rafforzando l'impegno già avviato con la Legge di Stabilità 2016.


"Il testo unificato appena approvato alla Camera - spiega Andrea Segrè, fondatore di Last Minute Market, spin off dell’Università di Bologna – raccoglie molte delle nostre esperienze e ricerche prodotte in oltre 15 anni per la prevenzione e il recupero degli sprechi". Ma è urgente adesso una vera svolta culturale nel Paese, per fronteggiare la voragine dello spreco domestico. Dall'ultimo studio del Politecnico di Milano, infatti, emerge che le rimanenze alimentari in Italia ammontano a 5.590.000 tonnellate, pari a oltre 13,5 miliardi di euro. Di queste i consumatori sono responsabili del 43%, la distribuzione del 13%, la ristorazione del 4%, la trasformazione del 3% e il settore primario del 37%.

"La nuova legge andrà integrata con l’introduzione dell’educazione alimentare nelle scuole e una capillare campagna di sensibilizzazione – conclude Segrè – e con obiettivi allineati all’Europa: il 2025 diventi anno chiave per il dimezzamento degli sprechi alimentari anche nel nostro Paese, così come indicato anche dalla campagna Spreco Zero attiva dal 2010".

CHI SIAMO

Associazione Ambiente e Lavoro fondata da Rino Pavanello
Ambiente e Lavoro è una Associazione, senza scopo di lucro, riconosciuta dal Ministero dell'Ambiente con decreto 1 marzo 1988...

... [continua]

CERTIFICAZIONI

Sede accreditata dalla REGIONE LOMBARDIA per attivita' di formazione superiore e continua...segue

Certificato UNI ISO 29990:2011 n. P2650
---------------
Certificato UNI EN ISO 9001:2008 n. 8139