Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

ARPAT pubblica la nuova scheda informativa "Bonifiche" nella Collana ambiente

Online l'ultima scheda informativa di ARPAT "Bonifiche" dove viene illustrato da chi e come deve essere attivato il procedimento di bonifica e quali siano le sue fasi secondo la legislazione italiana e regionale.

Devolvi il tuo 5 x mille ad Associazione Ambiente e Lavoro Internazionale ONLUS
La pubblicazione "Bonifiche" di ARPAT vuole spiegare anche ai non addetti ai lavori quali cause possano condurre ad un procedimento di bonifica di un sito ritenuto inquinato e quali siano gli step previsti dalla normativa italiana e regionale.

La normativa italiana di riferimento per la bonifica dei siti inquinati è il Titolo V del Testo unico "Norme in materia ambientale" (D.Lgs 152/06) che ne disciplina gli interventi di bonifica e il ripristino ambientale, ma soprattutto istituisce lo strumento "analisi di rischio sanitario ambientale sito-specifica" atto ad individuare se un sito sia o meno contaminato e, nel caso, quali siano gli obiettivi da raggiungere con la bonifica.

Nella scheda informativa il tema delle bonifiche viene affrontato con una serie di paragrafi che intendono prendere per mano il lettore e condurlo passo passo dentro ad un argomento di non facile comprensione. Le prime pagine rispondono infatti alle domande preliminari su quando sia necessaria una bonifica e quali possano essere le cause di una contaminazione, prima di inoltrarsi in questioni squisitamente tecniche.

Successivamente viene illustrato da chi e come deve essere attivato il procedimento di bonifica e quali siano le sue fasi secondo la legislazione regionale.

La parte finale dell’opuscolo si concentra sul "Piano regionale rifiuti e bonifiche" della Regione Toscana e sui compiti di ARPAT.

ARPAT, oltre alle attività di controllo routinarie, partecipa al procedimento di bonifica nelle fasi, ampiamente descritte nella pubblicazione, dei controlli, delle operazioni in campo, delle attività analitiche e durante l’istruttoria.

Fonte: ARPAT

CHI SIAMO

Associazione Ambiente e Lavoro fondata da Rino Pavanello è una Associazione, senza scopo di lucro, riconosciuta dal Ministero dell'Ambiente...

[continua]