Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

ARPAT pubblica la seconda parte dell'intervista a Giuseppe Lo Presti del Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare

L'agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana ha rivolto alcune domande a Giuseppe Lo Presti, alla guida della Direzione generale per le valutazioni e autorizzazioni ambientali del Ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare, competente per il rilascio dei pareri di VIA e dei provvedimenti di AIA per i maggiori impianti industriali.

ARPAT pubblica la seconda parte dell’intervista a Giuseppe Lo Presti, del Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, focalizzata sugli strumenti normativi per coniugare ambiente e salute.

Nella prima parte dell'intervista a Giuseppe Lo Presti, alla guida della Direzione generale per le valutazioni e autorizzazioni ambientali del Ministero, si è parlato di come integrare ambiente e salute anche attraverso alcuni strumenti autorizzativi, come la VIS, l’AIA e la VIA. L’argomento è ora approfondito con riferimenti alla Valutazione del Danno Sanitario (VDS), alle migliori tecniche disponibili (BAT) e ai valori limite di emissione (VLE).

Ecco le domande della seconda parte dell’intervista:

Quando emergono problematiche ambientali in territori specifici da parte dei cittadini e delle loro associazioni, si fa appello a risposte di carattere sanitario che in qualche modo vanno ricondotte alla epidemiologia ambientale, ma questa ha tempi necessariamente lunghi, talvolta opera sulla base di numeri molto ridotti, cosa è possibile fare per migliorare questa situazione?

In una recente intervista rilasciata ad Arpatnews, il prof. Giorgio Assennato ha evidenziato come sarebbe necessario che i limiti emissivi (normativi o definiti per gli specifici stabilimenti dalle autorizzazioni ambientali) fossero “health-based” e quindi in grado di tutelare la salute della popolazione residente nei quartieri adiacenti agli stabilimenti industriali inquinanti. E’ una strada percorribile?

Si parla da tempo, anche nei rapporti dell’Agenzia europea per l’ambiente, della possibilità del coinvolgimento dei cittadini nei monitoraggi ambientali, è la cosiddetta “citizen science”, sperimentata anche da ARPA Puglia. Cosa ne pensa?

Per leggere le risposte andare all'intervista al primo link.

Fonte: ARPAT