Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

Associazione Ambiente e Lavoro partner nazionale della Campagna Europea 2018-2019

Associazione Ambiente e Lavoro è partner nazionale della Campagna Europea 2018-2019 "Salute e sicurezza negli ambienti di lavoro in presenza di sostanze pericolose".

Associazione Ambiente e Lavoro è partner nazionale della Campagna Europea 2018-2019 "Salute e sicurezza negli ambienti di lavoro in presenza di sostanze pericolose".

I lavoratori sono esposti a sostanze pericolose in molti ambienti di lavoro europei. Tali esposizioni sono più comuni di quanto la maggior parte delle persone pensi e, di fatto, possono verificarsi in quasi tutti gli ambienti di lavoro. Ciò comporta importanti preoccupazioni per la sicurezza e la salute.

Una sostanza pericolosa è qualunque solido, liquido o gas che ha le potenzialità di causare danni alla sicurezza o alla salute dei lavoratori. L’esposizione può avvenire per inalazione, penetrazione cutanea o ingestione.

Le esposizioni a sostanze pericolose nell’ambiente di lavoro sono collegate a problemi che hanno effetti acuti e a lungo termine sulla salute, tra cui:
- malattie respiratorie (ad esempio asma, rinite, asbestosi e silicosi);
- danno agli organi interni, compresi il cervello e il sistema nervoso;
- irritazione cutanea e malattie della pelle;
- tumori occupazionali (ad esempio leucemia, cancro ai polmoni, mesotelioma e cancro della cavità nasale).

Inoltre, la presenza di sostanze pericolose può mettere i lavoratori a rischio di incendio, esplosione, intossicazione acuta e soffocamento.

La seconda indagine europea tra le imprese sui rischi nuovi ed emergenti (ESENER-2) dell’EU-OSHA rivela che le sostanze pericolose sono frequenti soprattutto in alcuni settori, come l’agricoltura, la produzione e l’edilizia.

Tuttavia, i lavoratori di ogni settore sono potenzialmente a rischio di esposizione alle sostanze pericolose. In effetti, nel complesso, il 38 % delle aziende europee segnala la presenza di sostanze chimiche o biologiche potenzialmente pericolose nei propri ambienti di lavoro. Pertanto, è fondamentale che i rischi siano individuati e gestiti.

Un numero inaccettabile di lavoratori è esposto a sostanze pericolose sul lavoro in tutta Europa.

Le sostanze pericolose causano una parte sostanziale delle malattie professionali, che hanno un effetto negativo sulla qualità della vita e sulla capacità lavorativa dei lavoratori e in alcuni casi possono essere fatali. Insieme agli incidenti sul lavoro causati da sostanze pericolose, comportano costi significativi per le aziende.

Nonostante ciò, vi è una generale mancanza di consapevolezza della natura e dell’abbondanza delle sostanze pericolose sul lavoro, nonché dei rischi che esse pongono, mentre i progressi nel ridurre l’esposizione dei lavoratori negli ultimi anni sono stati scarsi o inesistenti. Secondo l’indagine europea sulle condizioni di lavoro, la percentuale di lavoratori che riferiscono di essere esposti a sostanze chimiche per almeno un quarto del loro orario di lavoro non è cambiata dal 2000, attestandosi intorno al 17 %.

Occorre eliminare o almeno gestire efficacemente l’esposizione nell’ambiente di lavoro alle sostanze pericolose per garantire la sicurezza e la salute dei lavoratori e il successo economico delle aziende e della società.