Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

Bonifiche ambientali, firmata convenzione tra Cnr-Irsa e Comando unità tutela forestale ambientale

Siglato un protocollo di collaborazione tecnico scientifica tra l’Istituto di ricerca sulle acque (Irsa-Cnr) e il Comando Unità tutela forestale ambientale e agroalimentare dei Carabinieri. L’accordo ha lo scopo creare un’azione incisiva e continuativa di collaborazione per la salvaguardia dell’ambiente e del territorio e un miglioramento delle pratiche di bonifica.

Manuale di Primo Soccorso sula lavoro e in casa
Siglato, il 18 gennaio 2018 a Roma, un protocollo di collaborazione tecnico scientifica tra l’Istituto di ricerca sulle acque (Irsa-Cnr) e il Comando Unità tutela forestale ambientale e agroalimentare dei Carabinieri, rappresentati rispettivamente dal direttore f.f. di Irsa-Cnr Vito Felice Uricchio e dal generale Giuseppe Vadalà, Commissario straordinario di governo per la realizzazione degli interventi necessari all’adeguamento alla normativa vigente delle discariche abusive presenti sul territorio nazionale.

L’accordo ha lo scopo di realizzare un’azione incisiva e continuativa di collaborazione per la salvaguardia dell’ambiente e del territorio, la promozione della sostenibilità nell'attività di bonifica delle discariche abusive e il miglioramento delle pratiche di bonifica, con particolare riguardo ai protocolli di analisi da seguire e da adottare e all’uniformità sul territorio nazionale.

Con l’avvio di questa collaborazione, quindi, il Commissario si potrà avvalere delle competenze Irsa-Cnr per conoscere la situazione ambientale dei siti oggetto di indagine, a supporto della progettualità di risanamento. In particolare, la convenzione ha per oggetto attività di supporto tecnico scientifico per la verifica dei progetti e la predisposizione degli indirizzi progettuali con l’applicazione di tecniche innovative, l’effettuazione di analisi geofisiche, caratterizzazione e analisi chimica su matrici potenzialmente contaminate, e la promozione delle migliori pratiche d’intervento nel segno della sostenibilità economica ed ambientale, con l’obiettivo di restituire ai cittadini porzioni importanti di territorio.

"Con il Dott. Uricchio abbiamo individuato un partner d’eccezione in quanto l’Istituto da lui diretto è spinto verso l’innovazione allargata anche alle tematiche ambientali: sarà infatti una risorsa preziosa che coadiuverà la missione del nostro Ufficio di bonifica e messa in sicurezza", ha affermato il Commissario.

"Questa intesa ci onora particolarmente", ha replicato Uricchio "poiché, favorisce la costituzione di filiere organizzative/cognitive, capaci di migliorare, in termini di sinergia e d’innovazione, gli approcci orientati alla caratterizzazione, messa in sicurezza e bonifica ambientale, consolidando ulteriormente le eccellenti relazioni con il Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare e con l’Arma dei Carabinieri".

Prosegue, così, il lavoro finalizzato a valorizzare la sinergia tra il sistema pubblico della ricerca, lo Stato e le imprese messo in campo dal Commissario per raggiungere rapidamente e nella massima trasparenza ed efficacia l’obiettivo di bonifica e risanamento dei siti a lui assegnati.

Fonte: CNR