Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

Carovana delle Alpi 2017, Legambiente assegna le bandiere verdi e neri all'arco alpino

Dal 2002 Carovana delle Alpi di Legambiente difende e promuove il territorio alpino, un'ecosistema fragile minacciato da uno sfruttamento eccessivo delle risorse. Sostenibilità ambientale, agricoltura sociale e di qualità, turismo dolce e sostenibile le chiavi del successo delle pratiche virtuose dell’arco Alpino premiate con le bandiere verdi di Legambiente, assegnati 10 riconoscimenti.

I temi che caratterizzano la Carovana delle Alpi 2017, sono il turismo sostenibile e la tutela delle risorse naturali come il suolo e l'acqua.

Le iniziative di Carovana lungo l'arco alpino prevedono un programma ricco di eventi, dalle escursioni alle feste, dibattiti, teatro, degustazioni di prodotti tipici, tutto per sollecitare cittadini, forze economiche e istituzioni a rendersi protagoniste di uno sforzo comune di difesa e valorizzazione di un grande tesoro nazionale, le Alpi.

Il turismo sostenibile è il perno su cui ruotano tutte le iniziative del III Summit delle Bandiere verdi di Carovana delle Alpi , ma anche il leitmotiv di numerosi eventi che attraversano l'arco alpino. Un calendario ricco per contrastare l'idea obsoleta di un turismo orientato allo sfruttamento delle risorse.

La sfida della sostenibilità ambientale e la lotta ai cambiamenti climatici passa anche per le Alpi. Patrimonio di inestimabile valore per i paesaggi e luoghi unici, oggi l’arco alpino italiano è anche la culla di tante esperienze virtuose, moderne e rispettose dell’ambiente, in grado di dar impulso ad una nuova economia e incentivare un turismo dolce, responsabile e rispettoso della natura. Buone pratiche montane che Legambiente racconta e premia con le tradizionali bandiere verdi di Carovana delle Alpi, la campagna che ogni anno monitora lo stato di salute dell’arco alpino analizzando le buone e cattive pratiche realizzate sul territorio da amministrazioni, imprese, associazioni e cittadini. Quest’anno sono ben 10 le bandiere verdi assegnate dall’associazione ambientalista e che riguardano soprattutto diversi esempi virtuosi nell’ambito del turismo sostenibile, un bel segnale che arriva nell’anno internazionale del Turismo Sostenibile indetto dall’ONI.

A livello regionale il Piemonte è la regione più virtuosa con ben 3 bandiere verdi, seguita da Valle D’Aosta (2 bandiere a pari merito), Lombardia (1), Veneto (1), Alto Adige (1) e Trentino (1), Friuli Venezia Giulia (1). Ma sono ancora tante le aggressioni all’ambiente da parte dei “pirati” della montagna che causano danni al patrimonio ambientale e paesaggistico dell’arco alpino, come dimostrano le 9 bandiere nere assegnate da Carovana delle Alpi 2017 e così ripartite: una bandiera nera alla Liguria, una nera al Piemonte, due nere per la Valle d’Aosta, per la Lombardia, il Veneto, una nera al Friuli Venezia Giulia.

“Le buone pratiche che raccontiamo con Carovana delle Alpi – spiega Stefano Ciafani, direttore generale di Legambiente – sono realtà lungimiranti e moderne che meritano di essere replicate su tutto il territorio nazionale e che dimostrano come sia possibile vivere la montagna senza sfruttarla, valorizzandone aspetti e caratteristiche peculiari e coinvolgendo le amministrazioni e le comunità locali. Oggi proprio sulle montagne si gioca una partita importante legata anche al contrasto dei cambiamenti climatici. L’arco alpino continua ad essere una delle principali vittime dei cambiamenti climatici che qui avanzano più rapidamente che altrove. Per questo è urgente definire al più presto strategie di adattamento ai cambiamenti climatici sia nella pianificazione sia nella prevenzione territoriale, avviare una politica nazionale che metta al centro il recupero e la valorizzazione delle aree montane, la gestione sostenibile delle foreste e replicando quelle buone pratiche già attive sul territorio che ci raccontano quella voglia di cambiamento che auspica l’arco alpino”.