Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

Cassazione Penale: il comportamento del lavoratore che abbia disapplicato elementari norme di sicurezza non può considerarsi esorbitante

Cassazione Penale, Sez. 4, 18 dicembre 2018, n. 56950 - Magazziniere investito da un cancello deragliato dalla sede di scorrimento. Il comportamento del lavoratore che abbia disapplicato elementari norme di sicurezza non può considerarsi esorbitante.

Devolvi il tuo 5 x mille ad Associazione Ambiente e Lavoro Internazionale ONLUS
Nel caso di specie la condotta omissiva del datore di lavoro ha prodotto proprio l'evento temuto.
E perciò - come sottolineato dalla Corte territoriale per rispondere al motivo di appello - non può ritenersi interruttivo del nesso causale il comportamento del lavoratore - quand'anche estraneo alle mansioni affidate o sinanco vietato dal datore di lavoro - che per aprire un cancello dello stabilimento, al fine di provvedere allo scarico di merci, si procuri le chiavi, detenute in un ufficio, insieme con le altre, e stante il blocco del motore azionante il meccanismo di apertura e chiusura, operi manualmente al fine di aprire e chiudere il medesimo rispetto alla quale è interdetto il transito. Perché anche il comportamento del lavoratore che abbia disapplicato elementari norme di sicurezza non può considerarsi eccentrico o esorbitante dall’area di rischio propria del titolare della posizione di garanzia in quanto l’inesistenza di qualsiasi forma di tutela determina un ampliamento della stessa sfera di rischio fino a ricomprendervi atti il cui prodursi dipende dall'inerzia del datore di lavoro.