Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

Cassazione Penale: in assenza di delega, nelle società di capitali gli obblighi gravano sui componenti del CDA

Cassazione Penale, Sez. 3, 09 giugno 2017, n. 28721 - Impalcati e ponti di servizio privi degli appositi strumenti di protezione. Nelle società di capitali, se non esiste delega, gli obblighi gravano su tutti i componenti del CDA.

In questa sentenza la Corte di Cassazione ha ricordato che «nelle società di capitali gli obblighi inerenti alla prevenzione degli infortuni posti dalla legge a carico del datore di lavoro, gravano indistintamente su tutti i componenti del consiglio di amministrazione, sugli amministratori e sui soci (Sez. 4, n. 6280 del 11/12/2007, Mantelli, Rv. 238958), a condizione che non risulti l'espressa delega a soggetto di particolare competenza nel settore della sicurezza (Sez. 3, n. 27845 del 30/04/2015, Canale, Rv. 264448).
La sentenza impugnata, correttamente, ha argomentato la responsabilità penale per le contravvenzioni in oggetto sul rilievo che il G.D. in quanto amministratore della società, che stava eseguendo i lavori in subappalto nel cantiere edile della Ediserio, in assenza di delega di funzione a terzi era "datore di lavoro" ed era, dunque, il soggetto responsabile dell'osservanza delle prescrizioni antinfortunistiche».

In tale contesto «alcun rilievo assume la circostanza che la TE.CO srl (di cui il G.D. è amministratore) svolgesse lavori in subappalto per conto della Edilserio srl, in quanto, in tema di prevenzione degli infortuni sul lavoro, gli obblighi di osservanza delle norme antinfortunistiche, con specifico riferimento all’esecuzione di lavori in subappalto all'interno di un unico cantiere edile predisposto dall'appaltatore, grava su tutti coloro che esercitano i lavori e, quindi, anche sul subappaltatore interessato all'esecuzione di un'opera parziale e specialistica, il quale ha l'onere di riscontrare ed accertare la sicurezza dei luoghi di lavoro, sebbene l'organizzazione del cantiere sia direttamente riconducibile all'appaltatore, che non cessa di essere titolare dei poteri direttivi generali (Sez. 3, n. 19505 del 26/03/2013, Bettoni, Rv. 254993)».