Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

Cassazione Penale: infortunio del preposto e responsabilità del datore di lavoro

Cassazione Penale, Sez. 4, 15 aprile 2019, n. 16216 - Infortunio occorso al preposto con mansioni di casaro addetto alla macchina spezzatrice: responsabilità del datore di lavoro. Irrilevante che sia stato l'infortunato a rimuovere la protezione

Devolvi il tuo 5 x mille ad Associazione Ambiente e Lavoro Internazionale ONLUS
Che la rimozione della griglia sia avvenuta per non compromettere la tenuta della pasta filata, come sostiene la persona offesa, o che sia dipeso dalla volontà dell'infortunato di terminare rapidamente il turno di lavoro, non muta la responsabilità del datore di lavoro che ha omesso di vigilare efficacemente sul corretto funzionamento del macchinario e sul dovuto utilizzo dei dispositivi di sicurezza, da parte dei prestatori di lavoro.

Né può valere ad escludere detta responsabilità il fatto che l'infortunato fosse un lavoratore esperto, tanto da essere stato ritenuto preposto, in quanto avente 'una supremazia' sugli altri lavoratori.