Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

Cassazione Penale: le disposizioni antinfortunistiche devono tutelare il lavoratore anche dagli infortuni derivanti da sua colpa

Cassazione Penale, Sez. 4, 28 giugno 2018, n. 29514 - Caduta dell'operaio elettricista: non può parlarsi di responsabilità del lavoratore quando il sistema di sicurezza approntato dal datore di lavoro presenta delle evidenti criticità.

Dossier 114
La Corte di Cassazione in questa sentenza ha ribadito che "non possa discutersi di responsabilità (o anche solo di corresponsabilità) del lavoratore per l'infortunio quando il sistema della sicurezza approntato dal datore di lavoro presenti delle evidenti criticità".

Infatti "le disposizioni antinfortunistiche perseguono il fine di tutelare il lavoratore anche dagli infortuni derivanti da sua colpa, onde l'area di rischio da gestire include il rispetto della normativa prevenzionale che si impone ai lavoratori, dovendo il datore di lavoro dominare ed evitare l'instaurarsi, da parte degli stessi destinatari delle direttive di sicurezza, di prassi di lavoro non corrette e per tale ragione foriere di pericoli".

Nella fattispecie il lavoratore che "aveva svolto le sue mansioni con una scelta ragionata, anche per evitare l'intralcio di un filo di circa 25 metri dispiegato attraverso le stanze attigue alla terrazza, non ha interrotto il nesso di causalità con l'evento lesivo, che è stato determinato dalle omissioni delle doverose misure di prevenzione consistite nel caso di specie nella mancata realizzazione di un parapetto costruito a regola d'arte sul foro del vano scala."