Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

Cassazione Penale: Responsabilità di un medico per non aver avvertito il datore di lavoro dell'inidoneità del lavoratore

Cassazione Penale, Sez. 4, 27 maggio 2015, n. 22389 - Responsabilità di un medico per non aver avvertito il datore di lavoro dell'inidoneità del lavoratore al sollevamento pesi.

Manuale di Primo Soccorso sula lavoro e in casa
In questa sentenza la Corte di Cassazione si è espressa sul caso di un lavoratore che "da tempo, lamentando dolore alla schiena, chiedeva di essere addetto ad attività lavorativa compatibile con il suo stato di salute" e proprio per questo "si era recato a visita presso il medico dello stabilimento, il quale, dopo un esame piuttosto superficiale (a suo stesso dire), in attesa di ricevere il referto dell'immagine della risonanza magnetica prodotta dal lavoratore, aveva assai tardivamente, e ad incidente oramai verificatosi, impartito la prescrizione".

La Suprema Corte ha stabilito che "se il professionista avesse segnalato la condizione di sofferenza del lavoratore con le relative prescrizioni, il datore di lavoro non lo avrebbe adibito a quelle mansioni pesanti che ne avevano causato la caduta".