Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

Commissione europea, per gli incendi boschivi il 2019 è stato l'anno peggiore

Il Centro comune di ricerca (JRC) della Commissione europea ha presentato la ventesima relazione annuale sugli incendi boschivi in Europa, Medio Oriente e Nord Africa. In Europa il fuoco ha divorato oltre 400.000 ettari di terreno naturale e danneggiato un numero record di aree naturali protette.

Dossier Ambiente n. 123
La ventesima relazione annuale della Commissione europea sugli incendi boschivi individua nel 2019 l'anno peggiore della storia recente: in Europa il fuoco ha divorato oltre 400 000 ettari di terreno naturale e danneggiato un numero record di aree naturali protette. La relazione rileva che i cambiamenti climatici hanno continuato a influire sulla durata e la gravità del pericolo di incendi in Europa, tanto è vero che a marzo – prima ancora che iniziasse la stagione degli incendi nella maggior parte dei paesi – la superficie totale andata persa era già superiore alla media annuale degli ultimi 12 anni. Grazie a una preparazione più rigorosa e a una risposta più efficiente, tuttavia, la stagione 2019 si è rivelata una delle migliori di sempre sul piano della prevenzione degli incidenti e della perdita di vite umane.

Principali risultanze esposte nella relazione

- Le relazioni nazionali degli Stati membri indicano che nel 2019 Spagna, Portogallo e Polonia hanno registrato il maggior numero di incendi nell'UE.
- Secondo EFFIS, il sistema europeo di informazione sugli incendi boschivi, la Romania è stato il paese le cui aree protette hanno subito i danni più estesi nel 2019, con una perdita di 73 444 ettari.
- Gli incendi di terreni incolti hanno colpito duramente i siti protetti Natura 2000, distruggendo 159.585 ettari nel 2019. Quasi la metà della superficie totale interessata da incendi nell'UE faceva parte di queste aree vitali per la biodiversità.
- D'altro canto, la stagione 2019 si è distinta positivamente in termini di prevenzione degli incidenti e della perdita di vite umane, e nei paesi inclusi nella relazione gli incendi di terreni incolti hanno causato solo tre vittime.

Nel 2019 la mappatura rapida del servizio di gestione delle emergenze di Copernicus è stata attivata per ben 35 volte (un record assoluto) per aiutare a contrastare gli incendi boschivi.

Nello stesso anno il meccanismo di protezione civile dell'UE è stato attivato cinque volte contro gli incendi boschivi e integrato da rescEU, con una nuova riserva europea dotata di aerei ed elicotteri antincendio.

La strategia sulla biodiversità, proposta a maggio nel quadro del Green Deal europeo, prevede azioni finalizzate a migliorare la salute delle foreste europee e a renderle più resilienti agli incendi. Fissa inoltre l'obiettivo di piantare almeno tre miliardi di alberi entro il 2030.

Contesto

Mediante lo sviluppo e la gestione dell'EFFIS e del sistema mondiale di informazione sugli incendi (GWIS), il Centro comune di ricerca della Commissione dà un contributo fondamentale alla riduzione del rischio di catastrofi causate da incendi di terreni incolti in Europa e nel mondo.

Le relazioni sugli incendi boschivi in Europa, Medio Oriente e Nord Africa costituiscono una fonte di informazioni unica nel suo genere per chi si occupa di incendi e per i decisori politici nei paesi europei e del vicinato: sulla base delle informazioni comunicate ogni anno dalle amministrazioni nazionali competenti, queste relazioni forniscono infatti statistiche ufficiali sull'impatto degli incendi.