Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

Coronavirus, Virginio Galimberti intervistato dal Corriere della Sera sulle maschere "Facciali Filtranti"

Virginio Galimberti di Associazione Ambiente e Lavoro e Presidente Sottocommissione DPI - UNI spiega in un articolo del Corriere della Sera l'efficacia filtrante delle maschere FFP1, FFP2, FFP3 certificate in conformità alla norma UNI EN 149 e con valida marcatura CE.

Dispositivi di Protezione Individuale
Le mascherine servono agli infetti e non ai sani. Le più efficaci? Quelle con la sigla «FFP3»: la guida
Corriere della Sera - 25 febbraio 2020

Le mascherine più idonee sono quelle di classe FFP3 o FFP2, certificate in conformità alla norma UNI EN 149, con valida marcatura CE seguita dal numero dell’organismo di controllo che ne autorizza la commercializzazione. Questo viene considerato lo standard necessario per essere certi della protezione fornita da questi dispositivi contro lo specifico “rischio biologico”. Tale norma, a seconda dell’efficienza filtrante, classifica le maschere in FFP1, FFP2, FFP3, dove FF significa Facciale Filtrante. I dispositivi di classe FFP3 hanno un’efficacia filtrante del 98%, rispetto al 92% garantito dalla classe FFP2.

«Tutte e tre le classi, se le maschere non sono dotate di valvola di espirazione, filtrano indifferentemente sia in entrata che in uscita. Tutte e tre le classi non sono adatte (ovvero sono “sprecate”) se utilizzate dalla persona infetta. Va inoltre aggiunto che, per un uso corretto di questo tipo di maschera, andrebbe almeno informato sul modo di usarla», spiega al Corriere Salute Virginio Galimberti, Rappresentante dell’Associazione Ambiente e Lavoro e presso UNI Presidente della sottocommissione UNI “Dispositivi di protezione individuale”. Le FFP3 e FFP2 sono indicate per i sanitari. «La protezione è data solamente in entrata ed è documentata. Per quanto riguarda l’uscita non esiste nessun tipo di protezione e non siamo nemmeno in grado di verificarla. Il contenimento dell’aria espirata dipende dalla tenuta sul viso offerta dalla maschera e, quindi, da come viene indossata», conclude Galimberti.