Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

Determinazione dei fabbisogni standard per le province e le città metropolitane, in G.U. il Decreto

Il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 21 luglio 2017 è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Serie Generale n. 247 del 21/10/2017. Nota metodologica e coefficienti di riparto dei fabbisogni standard delle province e delle città metropolitane, relativi alle funzioni fondamentali come ridefinite dalla legge 7 aprile 2014, n. 56.

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 21 luglio 2017
Gazzetta Ufficiale Serie Generale n. 247 del 21/10/2017

Nota metodologica e coefficienti di riparto dei fabbisogni standard delle province e delle città metropolitane, relativi alle funzioni fondamentali come ridefinite dalla legge 7 aprile 2014, n. 56. (17A07067)

Art. 1
Art. 2
Allegato - DETERMINAZIONE DEI FABBISOGNI STANDARD PER LE PROVINCE E LE CITTÀ METROPOLITANE

(...) Sono adottati la nota metodologica relativa alla procedura di calcolo per la determinazione dei fabbisogni standard ed i coefficienti di riparto dei fabbisogni standard, di cui al documento allegato, per ciascuna provincia e città metropolitana, per le funzioni fondamentali di seguito indicate:
a) istruzione: programmazione provinciale della rete scolastica nel rispetto della programmazione regionale e la gestione dell'edilizia scolastica;
b) territorio: costruzione e gestione delle strade provinciali e la regolazione della circolazione stradale ad esse inerente;
c) ambiente: pianificazione territoriale provinciale di coordinamento, nonchè la tutela e la valorizzazione dell'ambiente;
d) trasporti: pianificazione dei servizi di trasporto in ambito provinciale, autorizzazione e controllo in materia di trasporto privato, in coerenza con la programmazione regionale;
e) funzioni generali parte fondamentale: raccolta ed elaborazione di dati, assistenza tecnico-amministrativa agli enti locali.