Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

Dieci consigli da Greenpeace per una spesa sostenibile e amica del clima

Greenpeace pubblica il suo Eco Menù: la lista della spesa in dieci punti per mettere nel carrello prodotti amici del clima e del pianeta.

Devolvi il tuo 5 x mille ad Associazione Ambiente e Lavoro Internazionale ONLUS
Il cibo riveste un’importanza ben oltre la dimensione nutrizionale e le scelte relative all'alimentazione coinvolgono l'intero pianeta.

La fettina di carne che si mette nel piatto ha spesso una storia lunghissima che merita di essere raccontata e che finisce di coinvolgere problematiche solitamente associate ad altri ambiti: polveri sottili, inquinamento da nitrati, gas serra, diritti umani violati.
Ma ciò che sta nel piatto potrebbe raccontare anche una storia completamente diversa fatta di salute, filiera corta, sistemi ecologici e produzioni a basso impatto ambientale.

L'Eco Menù di Greenpeace, rivolto a tutti coloro che vogliono con gesti semplici e concreti dare il loro contributo, si compone di dieci consigli utili per una spesa amica del clima e del pianeta. Indicazioni che in buona consistono nel rimparare il modello alimentare degli avi, quella dieta mediterranea riconosciuta dall’UNESCO come bene protetto e inserito nella lista dei patrimoni orali e immateriali dell’Umanità nel 2010.

La lista della spesa sostenibile in dieci consigli:
1 - Comprare solo frutta e verdura di stagione, biologica e di produzione locale
2 - Ridurre il consumo di carne
3 - Acquistare uova da allevamento biologico all’aperto
4 - Limitare il consumo di latte e derivati
5 - Privilegiare il pesce locale, di stagione e pescato con metodi artigianali
6 - Scegliere la qualità invece della quantità
7 - Eliminare quelle mode alimentari insostenibili per il pianeta
8 - Ripiegare sulle proteine vegetali
9 - Basta imballaggi: meglio lo sfuso
10 - Evitare i cibi processati

Via libera quindi a tante verdure e proteine vegetali di stagione, pochi prodotti di origine animale (ma quei pochi, buoni e genuini), riducendo al minimo gli imballaggi e la “strada” percorsa dal cibo. Farlo significa combattere i cambiamenti climatici, proprio come scegliere di usare meno l’auto, ma significa anche mandare un messaggio all’intero sistema agroalimentare, responsabile ad oggi di un quarto delle emissioni di gas serra globali, e nel quale pochi grandi attori fanno profitti sempre più grandi, mentre le piccole aziende spariscono.

I consumatori possono fare molto per invertire questa tendenza attraverso le scelte quotidiane, rafforzando così anche la pressione nei confronti delle istituzioni italiane ed internazionali affinché compiano delle scelte politiche chiare: utilizzare i fondi pubblici della Politica agricola comune (PAC) per il sostegno delle produzioni ecologiche invece che quelle intensive, approvare una normativa europea per fermare il commercio di carne e materie prime prodotte distruggendo le foreste, e impegnarsi a istituire una rete di santuari marini per proteggere almeno il 30 per cento dei mari.

Fonte: Greenpeace