Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

Disponibile una nuova applicazione per mappare i rifiuti su fiumi e mari

Da settembre 2016 è a disposizione di tutti coloro che ne faranno richiesta un'applicazione sviluppata per monitorare e mappare i rifiuti galleggianti nei fiumi, destinati con ogni probabilità a confluire nei mari. L'iniziativa è nata all'interno del Progetto RIMMEL (RIverine and Marine floating macro litter Monitoring and Modelling of Environmental Loading) promosso dalla Commissione Europea.

Devolvi il tuo 5 x mille ad Associazione Ambiente e Lavoro Internazionale ONLUS
Da settembre 2016 è a disposizione di tutti coloro che ne faranno richiesta un'applicazione sviluppata per monitorare e mappare i rifiuti galleggianti nei fiumi, destinati con ogni probabilità a confluire nei mari.
Nell'ambito della Direttiva quadro dell'UE sulla strategia marina per la protezione dell'ambiente marino e il raggiungimento di un buono stato ecologico delle acque entro il 2020, è infatti stato avviato un osservatorio in rete per l'identificazione dei rifiuti in acqua.
La sempre maggiore presenza di rifiuti nei mari è un fenomeno in continua crescita e la fonte maggiore si ritiene siano gli apporti fluviali, ma la mancanza di dati sulle quantità e le tipologie di tali immissioni non consente di mirare adeguatamente le misure da adottare per ridurne l'ingresso.

Per strutturare azioni mirate e coordinate a livello europeo, è stato costituito un osservatorio in rete all'interno del Progetto RIMMEL (RIverine and Marine floating macro litter Monitoring and Modelling of Environmental Loading); all'osservatorio, composto da scienziati, organismi governativi e non governativi all'interno e all'esterno dell'UE, possono aggiungersi - attraverso l'applicazione rilasciata per computer e tablet - altri soggetti interessati a partecipare al monitoraggio.
Le attività di monitoraggio, che proseguiranno per circa un anno, dovranno durare dai 30 ai 60 minuti, a seconda della disponibilità delle risorse delle organizzazioni partecipanti.
Attraverso l'osservazione visiva si potrà segnalare la presenza dei rifiuti individuati registrando l'avvistamento in file organizzati secondo parametri concordati per tipologie e dimensioni.
Per aderire alla rete, istituzioni, ricercatori, autorità competenti, ONG e altre parti interessate di qualsiasi paese, anche extra UE, possono registrarsi all'indirizzo rimmel@jrc.ec.europa.eu


Fonte: ARPAT

CHI SIAMO

Associazione Ambiente e Lavoro fondata da Rino Pavanello è una Associazione, senza scopo di lucro, riconosciuta dal Ministero dell'Ambiente...

[continua]

CERTIFICAZIONI

Sede accreditata dalla REGIONE LOMBARDIA per attivita' di formazione superiore e continua...segue

Certificato UNI ISO 29990:2011 n. P2650
---------------
Certificato UNI EN ISO 9001:2015 n. 8139