Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

Disturbi muscolo-scheletrici lavoro correlati, la nuova relazione di sintesi dell'EU-OSHA

La relazione di sintesi dell'EU-OSHA esamina la prevalenza e la portata dei disturbi muscolo-scheletrici, i fattori di rischio associati, il loro impatto sulla salute e la loro prevenzione sul luogo di lavoro, integrando i risultati a livello di UE con i dati e le analisi nazionali di 10 paesi.

Dossier Ambiente n. 123
La relazione di sintesi dell'Agenzia europea per la salute e la sicurezza sul lavoro (EU-OSHA) fa parte di un progetto molto più ampio, «MSDs facts and figures overview: prevalence, costs and demographics of MSDs in Europe» (Panoramica dei fatti e delle cifre sui DMS: diffusione, costi e dati demografici relativi ai DMS in Europa), destinato a sostenere i responsabili politici a livello di UE e nazionale tramite l’offerta di un quadro accurato della diffusione e dei costi dei disturbi muscoloscheletrici in Europa e la raccolta di dati esistenti derivati da una serie di fonti statistiche ufficiali pertinenti e affidabili. La relazione è destinata a integrare una relazione di sintesi pubblicata con lo stesso titolo e riguardante l’UE nel suo insieme, Work-related musculoskeletal disorders: prevalence, costs and demographics in the EU – Final report (Disturbi muscoloscheletrici lavoro correlati: diffusione, costi e dati demografici nell’UE - Relazione finale).

L’EU-OSHA, consapevole dei limiti delle fonti di dati dell’Unione europea relative ai disturbi muscoloscheletrici, ha deciso di integrare e arricchire i risultati a livello di UE con dati e analisi nazionali. La presente relazione di sintesi intende riunire alcuni di questi dati e informazioni pubblicati in 10 relazioni nazionali sull’argomento (Danimarca, Germania, Spagna, Francia, Italia, Ungheria, Paesi Bassi, Austria, Finlandia e Svezia).


Fonte: EU-OSHA