Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

EEA pubblica il report "I contaminanti nei mari europei"

L'inquinamento dei mari con sostanze sintetiche e metalli pesanti continua ad essere un problema su vasta scala in Europa. Secondo una recente relazione dell'Agenzia europea dell'ambiente il 75-96% delle aree valutate presenta un problema di contaminazione.

Devolvi il tuo 5 x mille ad Associazione Ambiente e Lavoro Internazionale ONLUS
Pubblicata, alla vigilia della Conferenza di Lisbona per celebrare la Giornata Europea dei Mari, la relazione EEA "I contaminanti nei mari europei. Verso un ambiente marino pulito e non tossico".

Il report dell'Agenzia europea dell'ambiente rappresenta un primo tentativo di mappare la contaminazione nei mari europei in modo coerente e controllare l’andamento delle sostanze pericolose nel lungo periodo. La valutazione si basa su dati di monitoraggio disponibili al pubblico, raccolti principalmente nel contesto della direttiva quadro sulle acque e della direttiva quadro sulla strategia marina.

Il rapporto mostra che tutti i mari in Europa hanno un problema di contaminazione su larga scala, che va dal 96% dell'area valutata nel Mar Baltico e al 91% nel Mar Nero, all'87% nel Mediterraneo e al 75% nell'Atlantico. La copertura dell’area valutata è buona, ma varia considerevolmente tra i quattro mari ed è piuttosto limitata nelle acque al largo del Mar Mediterraneo.

Nel complesso, la contaminazione è in calo in tutti i quattro i mari e l'insetticida DDT sembra essersi stabilizzato nel Mar Mediterraneo. Le concentrazioni di alcuni contaminanti come il cadmio e il mercurio, sono complessivamente in calo anche se in molte aree non raggiungono le soglie concordate.

Il rapporto dell'EEA confronta i dati raccolti con i sette obiettivi politici internazionali relativi all'inquinamento nell'ambiente marino ed evidenzia che tutti i sette obiettivi risultano difficilmente raggiungibili entro il 2020-2021.

Il modo di affrontare il fenomeno dell'inquinamento marino deve cambiare profondamente, afferma il rapporto. Ad esempio è essenziale per il raggiungimento di risultati a lungo termine evitare l'utilizzo di sostanze persistenti negli ecosistemi marini.

Il rapporto sui contaminanti è il primo di una serie di imminenti valutazioni dell'EEA sull'ambiente marino.

Fonte: EEA