Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

ENEA, presentato il Rapporto Annuale sull’Efficienza Energetica 2017

Alla presenza del Ministro per la Semplificazione e pubblica amministrazione Marianna Madia, del Viceministro dello Sviluppo economico Teresa Bellanova, del Presidente dell’ENEA Federico Testa e del Presidente del GSE Francesco Sperandini è stato presentato a Roma il "Rapporto Annuale sull’Efficienza Energetica 2017. Analisi e risultati delle policy di efficienza energetica del nostro Paese".

Risultati positivi, ma anche criticità e ostacoli sul fronte dell’efficienza energetica in Italia. Negli ultimi tre anni gli ecobonus hanno attivato circa un milione di interventi per oltre 9,5 miliardi di eurodi investimenti, di cui 3,3 miliardi nel solo 2016. Inoltre, al 2016 risultano effettuate 15mila diagnosi energetiche di aziende, un record in Europa, e le richieste di incentivi sul "Conto Termico" per interventi di efficienza della PA locale sono cresciute del 300%. E, grazie ai minori consumi, dal 2005 ad oggi sono stati risparmiati 3,5 miliardi di euro di importazioni di petrolio e gas. Tuttavia, ostacoli di tipo economico-finanziario e, soprattutto nel settore pubblico, la scarsa conoscenza degli strumenti e delle opportunità di interventi migliorativi frenano la diffusione dell’efficienza energetica.
È quanto emerge dal 6° Rapporto Annuale sull’Efficienza Energetica dell’ENEA presentato l'11 luglio a Roma.

Il Rapporto Annuale sull’Efficienza Energetica si propone come un riferimento periodico di monitoraggio, analisi e valutazione a supporto delle politiche adottate in questo settore.
Dal rapporto annuale emerge come Italia sia fra i leader in Europa in questo campo con un livello d’intensità energetica di quasi il 17% inferiore della media UE, dato particolarmente positivo perché tanto più basso è il valore dell’intensità energetica tanto più è alta l’efficienza energetica del Paese.
Il rapporto evidenzia inoltre che l’Italia ha rispettato l’obiettivo definito per il 2016 dal Piano Nazionale di Efficienza Energetica 2011 e ha raggiunto il 41% dell’obiettivo di risparmio al 2020 fissato dal Piano Nazionale di Efficienza Energetica 2014: tra gli strumenti per promuovere l’efficienza si sono rivelati particolarmente efficaci i certificati bianchi e le detrazioni fiscali per le riqualificazioni energetiche, i cosiddetti ecobonus, utilizzati soprattutto per interventi di isolamento termico degli edifici, la sostituzione di serramenti e l’installazione di impianti di riscaldamento più efficienti.

Il Rapporto Annuale sull’Efficienza Energetica 2017 è articolato nei seguenti capitoli:
- Il contesto normativo
- Domanda, impieghi finali di energia e intensità di energia
- Analisi del raggiungimento degli obiettivi nazionali
- Il potenziale di risparmio nel settore edifici
- Informazione e formazione
- Gli strumenti finanziari per l’efficienza energetica
- Schede regionali.

Fonte: ENEA