Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

ESENER 2019, presentati da EU-OSHA i principali fattori di rischio segnalati nei luoghi di lavoro europei

L'Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro (EU-OSHA) lancia i risultati del suo sondaggio europeo del 2019 sui rischi nuovi ed emergenti. I risultati forniscono un quadro di come attualmente i luoghi di lavoro europei gestiscono la sicurezza e la salute sul lavoro (SSL).

Devolvi il tuo 5 x mille ad Associazione Ambiente e Lavoro Internazionale ONLUS
EU-OSHA presenta i principali risultati dell'edizione 2019 del sondaggio europeo delle imprese sui rischi nuovi ed emergenti (ESENER) che mostra i principali fattori di rischio segnalati nei luoghi di lavoro europei: i disturbi muscoloscheletrici e i rischi psicosociali.

Oltre 45.000 aziende in 33 paesi hanno partecipato al sondaggio, rispondendo a domande su diverse aree di sicurezza e salute sul lavoro (SSL), incluso l'emergente problema della digitalizzazione.

ESENER 2019 è una preziosa fonte di informazioni per i responsabili politici, in quanto fornisce un quadro aggiornato della consapevolezza del rischio e della gestione della SSL nei luoghi di lavoro europei, nonché un confronto con i risultati di ESENER 2014.

Informativa ESENER 2019

La pubblicazione presenta un riepilogo dei principali risultati dell'indagine ESENER del 2019 e rivela i fattori di rischio maggiormente preoccupanti nei luoghi di lavoro sono, il livello di coinvolgimento dei dipendenti nelle misure per affrontare questi problemi e i motivi per cui i luoghi di lavoro gestiscono o meno la sicurezza e la salute. I risultati mostrano come la situazione è cambiata rispetto al precedente sondaggio del 2014 e includono una sezione dedicata ai problemi legati all'emergente digitalizzazione.

Fonte: EU-OSHA