Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

ESFA, residui di pesticidi negli alimenti basso il rischio per i consumatori

Il 97% dei campioni di alimenti raccolti nell'Unione Europea è privo di residui di pesticidi o ne contiene tracce nei limiti di legge. Questa la conclusione dell’ultimo rapporto annuale EFSA sui residui di pesticidi negli alimenti che analizza i risultati di quasi 83 000 campioni provenienti da 28 Stati membri dell’UE.

Devolvi il tuo 5 x mille ad Associazione Ambiente e Lavoro Internazionale ONLUS
Jose Tarazona, responsabile dell’Unità Pesticidi dell’EFSA, ha detto: "Gli alti tassi di conformità registrati per il 2014 sono in linea con quelli degli anni precedenti, il che significa che l'Unione europea continua a proteggere i consumatori controllando la presenza di residui di pesticidi negli alimenti".

Pubblicato il rapporto "The 2014 European Union Report on Pesticide Residues in Food" che evidenzia:
- Il 97% dei campioni analizzati rientrava nei limiti di legge; di questi il 53,6% era privo di residui quantificabili e il 43,4% conteneva residui che rientravano nelle concentrazioni ammesse.
- Dei campioni provenienti da Paesi UE/SEE, l'1,6% conteneva residui eccedenti i limiti di legge; per i campioni da Paesi terzi la percentuale corrispondente era del 6,5%.
- Nel 91,8% dei campioni di alimenti per l’infanzia non sono stati rinvenuti residui quantificabili.
- Il 98,8% dei prodotti biologici erano o privi di residui o li contenevano nei limiti di legge.

L’EFSA ha utilizzato i dati della relazione per valutare se l’attuale esposizione alimentare ai residui di pesticidi rappresenti un rischio di lungo termine (cronico) o di breve termine (acuto) per la salute degli Europei. L'Autorità ha concluso che in entrambi i casi è improbabile che l'esposizione costituisca un rischio per la salute umana.

Nel rapporto 2014 l'EFSA ha apportato una serie di modifiche in risposta a richieste e commenti dei portatori di interesse. Ad esempio il rapporto include ora maggiori dettagli sui prodotti biologici e sugli alimenti per l'infanzia; una sezione specifica sul glifosato; e più raffronti con i risultati degli anni precedenti.

L'EFSA ha avanzato parecchie proposte per rendere più efficace il monitoraggio futuro dei pesticidi nell'UE. Tra queste:
- Estendere il campo di applicazione del programma di monitoraggio a prodotti alimentari come piccoli frutti, frutti di bosco e tè, nei quali sono stati spesso rintracciati residui.
- Ridurre l'analisi sui prodotti di origine animale e spostare il centro dell'attività di monitoraggio ai mangimi, per esempio a soia, colza e orzo.
- Includere obbligatoriamente l'analisi del glifosato nelle colture sopraindicate.
- Includere il miele nel "paniere" di campioni, per migliorare le conoscenze sull’esposizione delle api e ispirare l’eventuale revisione dei limiti di residui ammessi nel miele.
- Migliorare la comunicazione delle modifiche ai livelli di residui ammessi per gli importatori di prodotti alimentari da Paesi extra Unione.

Fonte: ESFA

CHI SIAMO

Associazione Ambiente e Lavoro fondata da Rino Pavanello è una Associazione, senza scopo di lucro, riconosciuta dal Ministero dell'Ambiente...

[continua]

In ricordo di Rino...

Nel terzo anniversario della scomparsa di Rino Pavanello desideriamo esprimere il nostro vivo ricordo della sua profonda passione per la vita...

CERTIFICAZIONI

Sede accreditata dalla REGIONE LOMBARDIA per attivita' di formazione superiore e continua...segue

Certificato UNI ISO 29990:2011 n. P2650
---------------
Certificato UNI EN ISO 9001:2015 n. 8139