Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

Esposizione a metalli pesanti, realizzata da INAIL una pubblicazione nella Collana Salute e sicurezza

INAIL pubblica "Esposizione a metalli. Definizione dei valori di riferimento di cromo e nichel urinari e piombo ematico nella popolazione campana" nella Collana Salute e sicurezza.

Dossier Ambiente n. 123
L'esposizione a metalli pesanti sia essenziali sia tossici è responsabile di numerose patologie di diversa gravità.

Essendo molti metalli ubiquitari, la discriminazione tra esposizione professionale e non professionale diventa compito arduo per i professionisti del settore, agevolato dal confronto tra i dati di monitoraggio biologico dei lavoratori a rischio e i valori di riferimento. Poiché l'inquinamento ambientale e le abitudini di vita variano in base all'area geografica, col presente progetto sono stati definiti i valori di riferimento dei marcatori biologici di piombo, cromo e nichel nella popolazione campana.

Esposizione a metalli. Definizione dei valori di riferimento di cromo e nichel urinari e piombo ematico nella popolazione campana

INDICE
Presentazione
1. Premessa
2. Obiettivi
3. Diffusione dei metalli negli ambienti di vita e di lavoro
4. Monitoraggio Biologico e Valori di Riferimento
5. Fasi operative
6. Fase 1. Definizione del campione di popolazione da sottoporre ad indagine
7. Fase 2. Sviluppo dei metodi di campionamento e di analisi
8. Fase 3. Validazione dei metodi di analisi
9. Fase 4. Arruolamento del campione di popolazione da sottoporre ad indagine
10. Fase 5. Monitoraggio biologico - Raccolta e analisi dei campioni biologici
11. Fasi 6. Creazione del database
12. Fase 7. Elaborazione statistica dei dati del monitoraggio biologico
13. Fase 8. Definizione dei valori di riferimento
Bibliografia

Fonte: INAIL