Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

EU-OSHA: rassegna su legislazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro

L'EU-OSHA propone, sul proprio sito, una rassegna sulla legislazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro. La legislazione nazionale sulla sicurezza e la salute negli Stati membri è diretta dalla legislazione europea. Questa include le direttive dell'UE giuridicamente vincolanti, gli orientamenti non vincolanti dell'UE volti ad agevolare l'attuazione delle direttive e degli standard dell'UE.

Manuale di Primo Soccorso sula lavoro e in casa
L’Agenzia europea per la sicurezza e salute sul lavoro propone, sul proprio sito, una rassegna sulla legislazione europea sulla sicurezza.

Legislazione in materia di salute e sicurezza
Sulla base dell'articolo 153 del Trattato sul funzionamento dell'Unione europea è stato adottato un gran numero di misure comunitarie in materia di salute e sicurezza su lavoro. Le direttive europee sono giuridicamente vincolanti e gli Stati membri sono tenuti a recepirle nelle loro legislazioni nazionali.
Le direttive europee stabiliscono prescrizioni minime e principi fondamentali, fra cui il principio della prevenzione e della valutazione dei rischi, nonché le responsabilità di lavoratori e datori di lavoro. Una serie di linee guida europee mirano a favorire l'attuazione di direttive e norme europee adottate dagli organismi europei di normalizzazione.

Direttive europee
Per direttiva si intende un atto legislativo previsto dal Trattato sull'Unione europea. Si tratta di un documento vincolante nel suo complesso, che gli Stati membri sono obbligati a recepire nella legislazione nazionale entro il termine stabilito.
L'articolo 153 del Trattato sul funzionamento dell'Unione europea conferisce all'UE la competenza in materia di adozione delle direttive nell'ambito della sicurezza e salute sul lavoro. La direttiva quadro, con il suo ampio ambito di applicazione, e le ulteriori direttive europee incentrate su aspetti specifici della sicurezza e salute sul lavoro stabiliscono le prescrizioni minime in materia di sicurezza e salute.
Gli Stati membri sono liberi di adottare norme più severe per la tutela dei lavoratori durante la trasposizione delle direttive dell'UE nella legge nazionale. Pertanto, gli obblighi giuridici nell'ambito della salute e della sicurezza sul lavoro possono variare tra i diversi paesi dell'UE.

Linee guida dell'UE
Le linee guida costituiscono documenti non vincolanti volti ad agevolare l'applicazione delle direttive europee.
Esistono diversi tipi di linee guida, quali, ad esempio, le linee guida pratiche della Commissione europea, che stabiliscono le migliori prassi per la prevenzione dei rischi, le raccomandazioni del Consiglio, le comunicazioni della Commissione europea, gli accordi con le parti sociali dell'UE, ecc.

Norme europee
Per "norma armonizzata" si intende una norma adottata da uno degli organismi europei di normalizzazione, quali il Comitato europeo di normalizzazione (CEN), il Comitato europeo di normalizzazione elettrotecnica (CENELEC) e l'Istituto europeo per le norme di telecomunicazione (ETSI), in seguito a una richiesta della Commissione europea.
Il cosiddetto "nuovo approccio" rappresenta una modalità innovativa di armonizzazione tecnica, che suddivide le responsabilità tra il legislatore europeo e gli organismi europei di normalizzazione.

Legislazione nazionale
Le direttive europee stabiliscono le norme minime per la sicurezza e la salute sul posto di lavoro. Le direttive dell'UE sono attuate tramite la legislazione nazionale degli Stati membri.
Gli Stati membri sono liberi di adottare norme più severe per la tutela dei lavoratori mentre è obbligatorio che la loro legislazione sia conforme ai requisiti minimi. Di conseguenza, la legislazione nazionale in materia di sicurezza e salute in Europa varia a seconda del paese.

Fonte: EU-OSHA