Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

Eu-Osha, ridurre il rischio di disturbi muscolo-scheletrici fra i lavoratori agricoli

L’agricoltura è un settore nel quale si osserva una delle percentuali più elevate di disturbi muscolo-scheletrici. Un nuovo documento, redatto nel quadro di un accordo di ricerca tra l’EU-OSHA e l’INAIL, esamina in che modo la meccanizzazione può ridurre i fattori di rischio dei DMS.

Dossier Ambiente n. 123
L’agricoltura è un settore nel quale si osserva una delle percentuali più elevate di disturbi muscolo-scheletrici (DMS), in quanto comporta tradizionalmente carichi pesanti, movimenti ripetitivi e posture statiche.
In particolare, la movimentazione e il sollevamento manuali possono causare strappi e far assumere posizioni strane. Il lavoro all’aperto e le specificità del terreno rendono inoltre difficile la progettazione delle macchine agricole.

Il nuovo documento "DMS nel settore agricolo: dall’individuazione dei rischi all’adozione di misure preventive" esamina l’uso di macchine agricole per ridurre il rischio di disturbi muscolo-scheletrici, in particolare degli arti superiori, nel settore agricolo e presenta gli standard per la valutazione dei rischi.

Il documento comprende anche un caso studio sull’agricoltura nella regione delle Marche e descrive l’aiuto che l’Inail fornisce alle micro e piccole imprese agricole per prevenire i disturbi muscolo-scheletrici.

Fonte: EU-OSHA