Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

Giornata della Terra, giunta alla cinquantesima edizione la manifestazione mondiale ecologista

La manifestazione ecologista della Giornata mondiale della Terra (22 aprile 2020) è giunta alla sua cinquantesima edizione e invita ancora una volta i cittadini del mondo ad un’azione responsabile nei confronti del pianeta con una particolare attenzione ai cambiamenti climatici.

Devolvi il tuo 5 x mille ad Associazione Ambiente e Lavoro Internazionale ONLUS
Il cambiamento climatico rappresenta la più grande sfida per il futuro dell'umanità e del pianeta: la consapevolezza e la mobilitazione della popolazione intorno a questo tema è ormai indiscutibile, basti pensare alle manifestazioni per il clima che hanno caratterizzato l’ultimo anno. Anche la cinquantesima edizione della Giornata mondiale della Terra non poteva quindi non mettere questo problema al centro delle sue iniziative.

La prima edizione, il 22 aprile 1970, mobilitò 20 milioni di americani per protestare a seguito di un gravissimo disastro ambientale che aveva coinvolto il loro paese: la fuoriuscita di petrolio da un pozzo della Union Oil. Da quel giorno, la Giornata della Terra ha contribuito a far crescere la consapevolezza intorno ai temi ambientali, locali e globali, e a sensibilizzare tanto l’opinione pubblica quanto la politica sull’urgenza del problema.

Cittadini di tutto il mondo stanno esercitando in queste settimane la loro responsabilità - individuale e collettiva - per ridurre le trasmissioni virali e preservare la salute umana; l’appello lanciato in occasione della prossima Giornata della Terra è quello di continuare ad esercitare la stessa responsabilità per proteggere e preservare la salute del pianeta Terra.

L’invito è quello di sfruttare il tempo di “isolamento” per rivalutare le proprie abitudini quotidiane e svilupparne di nuove, migliori per il pianeta. Tanto è quello che può essere fatto nel quotidiano, ecco alcuni spunti:
- usare lampadine fluorescenti al posto di quelle a incandescenza;
- spegnere le luci se non servono;
- non lasciare tv e computer in stand-by;
- non lasciare sotto carica il cellulare o il notebook più del dovuto;
- mettere il coperchio sulle pentole quando si cucina per risparmiare energia;
- prestare attenzione alla gestione dei rifiuti e alla corretta raccolta differenziata;
- adottare tutte le accortezze già segnalate in occasione della Giornata dell’Acqua;
- comprare prodotti sfusi e con meno imballaggi possibili;
- usare contenitori lavabili invece di quelli usa e getta;
- non sprecare il cibo stando attenti alle scadenze, comprando ciò che è veramente necessario e utilizzando gli avanzi.

Fonte: ARPAT