Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

Giornata mondiale della giustizia sociale

In occasione della Giornata mondiale sulla giustizia sociale, il Direttore generale dell’ILO, Guy Ryder, ha affermato che il lavoro dignitoso è la chiave per raggiungere uno sviluppo sostenibile e realizzare la giustizia sociale che è, a sua volta, il fondamento per la pace duratura.

Devolvi il tuo 5 x mille ad Associazione Ambiente e Lavoro Internazionale ONLUS
La Giornata mondiale della giustizia sociale è una ricorrenza internazionale celebrata il 20 febbraio di ogni anno a partire dal 2009, indetta dall'Organizzazione delle Nazioni Unite per promuovere il tema della giustizia sociale a livello mondiale.

Il messaggio della giornata è: "se vuoi la pace e lo sviluppo, lavora per la giustizia sociale". L’ILO è stata edificata su questo precetto. Le parole "si vis pacem, cole justitiam" (se desideri la pace, coltiva la giustizia) sono scolpite nell'edificio che ospitava la prima sede dell’Organizzazione. Per cento anni l’ILO ha perseguito il suo mandato di promuovere la giustizia sociale attraverso il lavoro.

Nonostante il progresso economico e sociale realizzato a livello globale negli ultimi decenni, i suoi frutti sono spesso distribuiti in modo ineguale. Molte persone che si sono affrancate dalla povertà rischiano di ricaderci. La tecnologia ha generato posti di lavoro, aperto opportunità e alleviato fatica, ma miliardi di lavoratori sopravvivono a malapena attraverso il loro lavoro nell’economia informale. Molte società sono segnate da profonde divisioni sociali ed economiche; diverse popolazioni sono dilaniate dalla guerra e dai conflitti. E in un mondo del lavoro che cambia, le relazioni stabilite, le norme e gli standard vengono messi in discussione. In questi contesti, i diritti fondamentali sul lavoro devono ancora essere pienamente realizzati.

Come nel 1919 — anno della creazione dell’ILO — rimane valido l’assioma che una pace duratura e una stabilità debbano essere fondate su uno sviluppo sostenibile e una giustizia sociale. Il lavoro scelto liberamente, svolto in condizioni di equità, sicurezza e dignità — un lavoro dignitoso — continua ad essere fondamentale nelle società.

L’ILO continuerà a difendere i diritti, le norme e le politiche che promuovono il lavoro dignitoso, come pure la realizzazione delle condizioni nelle quali le imprese possono generare tale lavoro. Attraverso il dialogo sociale si può costruire una visione comune di un futuro condiviso e facilitare una transizione equa verso la sostenibilità ambientale.

Fonte: ILO