Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

Giornata nazionale di sensibilizzazione su sovrappeso e obesità e il decalogo della dieta mediterranea

La 17ma edizione dell’Obesity Day (10 ottobre 2017) ha l’obiettivo di valorizzare le identità e diversità dei sistemi alimentari regionali della dieta mediterranea come modelli di alimentazione utili a contrastare patologie in crescita come l’obesità.

L’Obesity Day, la campagna di sensibilizzazione per la prevenzione dell’obesità e del sovrappeso, promossa ogni anno il 10 ottobre dall’Associazione italiana di dietetica e nutrizione clinica, è giunta alla 17ma edizione.

Recuperare e valorizzare l’identità e le diversità dei sistemi alimentari regionali come modelli di alimentazione sostenibili e equilibrati utili a contrastare patologie in crescita come l’obesità è l’obiettivo dell’edizione 2017 dell’Obesity Day.

L’UNESCO ha iscritto nel 2010 la dieta mediterranea nella Intangible Heritage Lists (IHL); dopo circa un anno si è avuta la pubblicazione della nuova piramide alimentare che in qualche modo ne è una conseguenza. Il concetto di dieta mediterranea ha subito una progressiva evoluzione, da un modello alimentare sano a un modello alimentare sostenibile, in cui la nutrizione, il cibo, le culture, le persone, l’ambiente e la sostenibilità interagiscono e si integrano.

Grazie alla risoluzione dell’UNESCO l’attenzione anche del mondo scientifico si è spostata dai singoli alimenti ai comportamenti, dalla dieta mediterranea alla mediterraneità. E’ innegabile che nell’area del Mediterraneo la ricerca di cibo, è stato il punto di partenza di un ineguagliabile percorso di intelligenza, creatività, gusto della bellezza e socialità.

Secondo la definizione della FAO, sono sostenibili i modelli alimentari che hanno un basso impatto ambientale e contribuiscono alla sicurezza alimentare e ad uno stile di vita sano per le generazioni attuali e future. Un’alimentazione sostenibile rispetta la biodiversità e gli ecosistemi, è culturalmente accettabile e accessibile, economicamente sostenibile, adeguata dal punto di vista nutrizionale e contribuisce ad ottimizzare le risorse naturali e umane.

Le problematiche della sostenibilità offrono una grande opportunità alla scienza della nutrizione per svolgere un ruolo più centrale nella analisi politica dei sistemi alimentari. L’Obesity Day 2017 si pone come obiettivo quello di pubblicizzare l’identità e le diversità dei sistemi alimentari regionali. Recuperare e mantenere la biodiversità agraria e la diversità degli animali d’allevamento è fondamentale nel garantire la vita dell’essere umano sulla Terra. Anche se talvolta meno produttive molte varietà animali, ad esempio, hanno caratteristiche uniche, di cui le generazioni future potrebbero aver bisogno per affrontare sfide come il cambiamento climatico.

Recuperare e far conoscere gli stili alimentari regionali è una operazione culturale assolutamente necessaria che ci consente di allargare il concetto di dieta mediterranea a quello di mediterraneità ovvero la via mediterranea per una alimentazione sana e sostenibile.