Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

Global Compact Network Italia, reporting internazionali sugli SDGs ora disponibili in lingua italiana

La Fondazione Global Compact Network Italia segnala due interessanti pubblicazioni internazionali ora disponibili anche in lingua italiana: "Integrare gli SDGs nel reporting aziendale: una guida pratica" e "SDG Compass. Una Guida per l’azione del settore privato sugli SDGs".

"INTEGRARE GLI SDGs NEL REPORTING AZIENDALE: UNA GUIDA PRATICA" sviluppata dall’UN Global Compact in collaborazione con il GRI – Global Reporting Initiative, propone un processo strutturato in tre fasi e incentrato sulla prioritizzazione fondata sui principi per incorporare gli obiettivi di sviluppo sostenibile all’interno delle procedure di reporting aziendale già esistenti.

Considerando la centralità degli SDGs nella diffusione della trasparenza ed etica del business, il tool nasce dall’intenzione di voler portare il reporting sulla sostenibilità delle organizzazioni ad un livello più alto: superare la mera mappatura dei programmi e delle attività ispirate dall’Agenda 2030 per valorizzare al massimo la rendicontazione dell’impatto e l’azione informativa verso i propri stakeholder strategici.

La Guida segue un approccio in linea con i Principi Guida sulle Imprese e i Diritti Umani delle Nazioni Unite, i Dieci Principi del Global Compact delle Nazioni Unite e gli Standard GRI.

"SDG COMPASS" è una guida sviluppata da UN Global Compact, GRI - Global Reporting Initiative e WBCSD - World Business Council for Sustainable Development per supportare il settore privato nella sfida di integrare gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite all’interno del proprio business.

Riconoscendo e analizzando il ruolo chiave giocato dalle aziende di tutte le dimensioni nell’avanzamento dell’Agenda 2030, il documento propone un percorso in cinque fasi fondato sull’idea che l’allineamento agli SDGs costituisce per il settore privato un’opportunità di crescita, abbassamento del rischio e rafforzamento dei rapporti con il stakeholder oltre che un impegno necessario per un mondo più prospero ed equo.

I cinque step verso un business più competitivo, efficiente e resiliente.
1. Comprensione degli SDGs e costruzione del business case
2. Selezione delle priorità ed analisi dell’impatto, adottando un approccio strategico agli SDGs e considerando l’intera catena del valore
3. Definizione di obiettivi di sostenibilità specifici e misurabili, nonché d’indicatori chiave di performance (KPIs), esplicitando la loro connessione agli SDGs.
4. Integrazione degli obiettivi nel business, seguendo il flusso “a cascata”: Amministratore Delegato e del Consiglio di Amministrazione > funzioni aziendali > catena di fornitura
5. Reporting di sostenibilità e logica del progresso