Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

Il Decreto Mille Proroghe in Gazzetta posticipa alla fine di marzo lo stato di emergenza epidemiologica da COVID-19

L'art. 19 del Decreto Legge 31 dicembre 2020 n. 183 (Decreto Mille Proroghe) proroga fino al 31/03/2021 lo stato di emergenza epidemiologica da COVID-19 precedentemente fissato al 31/01/2021. Cambiano così diverse scadenze collegate con la fine dell'emergenza alcune delle quali di interesse per la salute e sicurezza dei lavoratori.

Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 31 dicembre 2020 il Decreto Legge 31 dicembre 2020, n. 183 (Decreto Mille Proroghe), recante "Disposizioni urgenti in materia di termini legislativi, di realizzazione di collegamenti digitali, di esecuzione della decisione (UE, EURATOM) 2020/2053 del Consiglio, del 14 dicembre 2020, nonché in materia di recesso del Regno Unito dall'Unione Europea".

Il provvedimento proroga i termini previsti dalle disposizioni legislative specificatamente individuate nell'Allegato 1 al Decreto stesso fino alla data di cessazione dello stato di emergenza epidemiologica da COVID-19 e, comunque, non oltre il 31 marzo 2021 (art. 19).

Tra queste si segnala, in particolare, la proroga al 31 marzo 2021 dell'utilizzo della procedura semplificata di smart working di cui all'art. 90, commi 3 e 4, del D.L. 19 maggio 2020, n. 34, convertito con modificazioni in L. 17 luglio 2020, n. 77.

La proroga riguarda, inoltre, numerose misure in ambito scolastico e universitario, medico-sanitario, in tema di protezione dei lavoratori e della collettività, in materia di svolgimento degli esami di Stato di abilitazione all'esercizio delle professioni e dei tirocini professionalizzanti e curriculari.

Il Decreto dispone, altresì, la sospensione dei termini di prescrizione delle contribuzioni di previdenza e assistenza sociale obbligatoria di cui all'art. 3, comma 9, della L. n. 335/1995, dal 31 dicembre 2020 fino al 30 giugno 2021, con ripresa della decorrenza dalla fine del periodo di sospensione (art. 11).

Si segnala, da ultimo, la previsione di proroghe e misure specifiche applicabili ad intermediari bancari e finanziari, nonché ad imprese di assicurazione in relazione al recesso del Regno Unito dall'Unione Europea (art. 22).

DECRETO-LEGGE 31 dicembre 2020, n. 183
Gazzetta Ufficiale Serie Generale n. 323 del 31/12/2020
Disposizioni urgenti in materia di termini legislativi, di realizzazione di collegamenti digitali, di esecuzione della decisione (UE, EURATOM) 2020/2053 del Consiglio, del 14 dicembre 2020, nonché in materia di recesso del Regno Unito dall'Unione europea. (20G00206)
Entrata in vigore del provvedimento: 31/12/2020
Articoli da 1 a 23
Allegato 1