Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

In G.U. il Decreto n. 245 del 25 ottobre 2016 - Determinazione delle tariffe da applicare ai proponenti relative ai procedimenti di valutazione ambientale

Il Decreto n. 245 del 25 ottobre 2016 è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Serie Generale n.1 del 2/1/2017. Regolamento recante modalita' di determinazione delle tariffe, da applicare ai proponenti, per la copertura dei costi sopportati dall'autorita' competente per l'organizzazione e lo svolgimento delle attivita' istruttorie, di monitoraggio e controllo relative ai procedimenti di valutazione ambientale previste dal decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152.

MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE
DECRETO 25 ottobre 2016, n. 245
Gazzetta Ufficiale Serie Generale n. 1 del 2/1/2017

Regolamento recante modalita' di determinazione delle tariffe, da applicare ai proponenti, per la copertura dei costi sopportati dall'autorita' competente per l'organizzazione e lo svolgimento delle attivita' istruttorie, di monitoraggio e controllo relative ai procedimenti di valutazione ambientale previste dal decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152. (16G00255)

Entrata in vigore del provvedimento: 17/01/2017


Il regolamento, pur non modificando l’attuale tariffa dello 0,5 per mille già in vigore per le procedure di VIA e di VIA Legge Obiettivo, disciplina i contributi economici da porre in carico ai proponenti per la copertura dei costi sostenuti dall’autorità competente per le altre tipologie di procedura, per le quali attualmente non è previsto alcun onere. Il regolamento entra in vigore il 17 gennaio 2017 e si applica alle istruttorie avviate dopo la sua entrata in vigore. Uno speciale regime transitorio è previsto per le procedure di VIA Legge Obiettivo di cui alla legge 21 dicembre 2001, n.443, avviate alla data di entrata in vigore del decreto legislativo n. 50 del 2016 (Codice appalti).