Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

In ricordo di Marco Bottazzi

Giovedì 29 ottobre 2020 è venuto a mancare Marco Bottazzi, responsabile della consulenza medico legale dell'Inca. Figura di rilievo nel mondo della medicina del lavoro, è stato un prezioso collaboratore della nostra Associazione e della Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione (CIIP).

Dossier Ambiente n. 123
La scomparsa di Marco Bottazzi: il cordoglio dell'Inca

Un grave lutto ha colpito l'Inca. Nella serata di ieri è venuto a mancare il compagno Marco Bottazzi, responsabile della consulenza medico legale del Patronato della Cgil. Nel darne notizia, l'Inca vuole ricordare il suo impegno, la sua passione, la sua sensibilità per sviluppare una nuova cultura della sicurezza nei luoghi di lavoro. Punto di riferimento per tante altre giovani generazioni di sindacalisti.

Nell'esprimere un profondo cordoglio alla sorella Marina e a tutti i suoi familiari, l'Inca sottolinea come Marco in tutti questi anni sia stato un compagno stimato da tutti, di grandi qualità umane e professionali, sempre disponibile ad affrontare situazioni anche complesse e delicate. Una persona impegnata da sempre anche nel sociale, particolarmente attivo in ambito politico e, seguendo le orme del padre Mario, figura di spicco dell’ANPI.

La sua competenza medica professionale l’ha messa a disposizione della medicina del lavoro, partecipando attivamente alle commissioni istituzionali e ad organismi nazionali e internazionali, che gli hanno permesso di acquisire un'autorevolezza riconosciuta ed apprezzata. Grazie a lui e al suo impegno altre nuove generazioni di sindacalisti si sono avvicinate al tema della tutela della salute e del benessere nei luoghi di lavoro, trasferendo loro la passione per un tema così importane. Di tutto ciò gliene saremo sempre grati e riconoscenti.

Per lui il lavoro era una condizione essenziale di vita: fino all'ultimo, nonostante le sue precarie condizioni di salute, complicate anche dalla pandemia, Marco non ha fatto mancare a tutte le compagne e i compagni dell'Inca la sua consulenza professionale, lavorando con impegno e passione. Con lui, l'Inca perde un amico, un fratello, un uomo capace di sorridere e di usare anche l'ironia di fronte alle difficoltà, in cui si era venuto a trovare dopo la malattia. La sua immatura scomparsa lascia un profondo dolore e un vuoto che sarà difficile colmare.