Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

INAIL: i servizi offerti dal Centro Protesi Vigorso di Budrio

L'Inail ha realizzato un opuscolo in cui è possibile trovare alcune indicazioni sulla struttura, i servizi, l’organizzazione del Centro Protesi Inail di Budrio. Il Centro fornisce agli assicurati Inail, agli assistiti delle Aziende Sanitarie Locali e ai privati, presidi ortopedici ed ausili tecnici, unitamente all’addestramento, alla riabilitazione e ad una sistematica azione di sostegno finalizzata ad un ottimale recupero psicologico e sociale.

Devolvi il tuo 5 x mille ad Associazione Ambiente e Lavoro Internazionale ONLUS
L’assistenza protesica rientra tra le competenze istituzionali dell’Inail (D.P.R. 30 giugno 1965, n. 1124 e successive integrazioni e modificazioni) che la eroga secondo proprie modalità ed indicazioni, emanando un proprio regolamento interno, così come contemplato anche dal “Regolamento recante norme per le prestazioni di assistenza protesica: modalità di erogazione e tariffe” (Nomenclatore tariffario), periodicamente emanato con Decreto del Ministero della Salute. L’assistenza protesica Inail è rivolta a coloro che, avendo subito un infortunio sul lavoro, necessitano di protesi e/o ausili tecnici, la cui applicazione e utilizzo sono parte integrante del percorso di riabilitazione e reinserimento della persona.

L’assistenza protesica è disciplinata dallo specifico Regolamento, periodicamente emanato con Decreto del Ministero della Salute, che contiene l’elenco delle protesi e degli ausili tecnici nonché l’indicazione dei relativi tempi di rinnovo (Nomenclatore tariffario). L’assistenza protesica è rivolta agli assistiti dal Servizio Sanitario Nazionale che necessitano di protesi e/o ausili tecnici, la cui prescrizione è a cura delle Aziende ASL come parte integrante di un programma di prevenzione, cura e riabilitazione delle lesioni e dei loro esiti che determinano la menomazione o la disabilità.

Il Centro Protesi fornisce ai propri utenti specifici prodotti e servizi nell’ambito di un trattamento riabilitativo con protesi, con ortesi o con ausili, che guarda alla globalità della persona per dare una valida risposta alle specifiche esigenze di ognuno. Il Centro costruisce e applica presidi ortopedici (protesi e ortesi) personalizzati per tutti i livelli di amputazione.

Il “Centro per la sperimentazione ed applicazione di protesi e presidi ortopedici” nasce nel 1961 come Officina Ortopedica Inail (Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro) annessa al preesistente convalescenziario divenuto, nel frattempo, un centro di rieducazione funzionale. Inizialmente destinato a finalità sperimentali, di studio e di ricerca nel campo della tecnica ortopedica, negli anni settanta il Centro diviene sempre più realtà produttiva fino ad assumere, nel 1984, l’attuale denominazione e l’assetto organizzativo interno, in virtù del Decreto del Presidente della Repubblica n. 782.
Nell’ultimo decennio, anche attraverso il recupero da parte dell’Inail della propria vocazione sanitaria, il Centro Protesi è andato nel tempo caratterizzandosi come centro di eccellenza, nella cui attività trovano massima espressione termini come riabilitazione e reinserimento sociale. Il Centro Protesi, azienda certificata ISO 9001, fornisce agli assicurati dall’Inail, agli assistiti dalle Aziende Sanitarie Locali e ai privati, presidi ortopedici ed ausili tecnici, unitamente al training per il corretto utilizzo, alla riabilitazione e ad una sistematica azione di sostegno finalizzata ad un ottimale recupero psicologico e sociale. Dal 2013 il Centro Protesi Inail è accreditato presso la regione Emilia Romagna per “Attività di riabilitazione in regime di ricovero non ospedaliero ex art. 26 L. 833/78 per 90 posti letto e funzioni ambulatoriali esercitate in autorizzazione”.


Fonte: INAIL