Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

INAIL: realizzato applicativo per la valutazione del rischio biologico negli ambienti sanitari

Realizzato dalla Contarp, il software si qualifica come strumento operativo utile ai datori di lavoro e ai servizi di prevenzione e protezione che operano non solo negli ambulatori “Prime cure” dell’Inail, ma anche in contesti lavorativi analoghi.

Dall’Inail un applicativo per la valutazione del rischio biologico negli ambulatori Prime cure. Il prodotto è disponibile nella sezione “Prevenzione e sicurezza-promozione e cultura della prevenzione – software” nonché nei “servizi on line” del portale istituzionale.

Le attività svolte nei servizi sanitari (ospedali, ambulatori, studi dentistici, servizi di assistenza) rientrano tra quelle che possono comportare rischio di esposizione ad agenti biologici. Malgrado l’ampia diffusione – sia a livello nazionale che internazionale – di linee guida, buone prassi e indicazioni operative per il controllo di questo rischio, non si dispone ancora di una metodologia standard di riferimento.

Tale mancanza causa notevoli difformità di valutazione e l’impossibilità di comparazione di risultati.
Realizzato dalla Contarp (Consulenza tecnica accertamento rischi e prevenzione) e nato dalla necessità di uniformare le metodologie e le procedure di accertamento del rischio biologico maturate all'interno dell'Istituto su tutto il territorio nazionale, il software rappresenta la versione informatizzata di questo percorso articolato e si qualifica come strumento operativo utile ai datori di lavoro e ai servizi di prevenzione e protezione che operano non solo negli ambulatori “Prime cure” dell’Inail, ma anche in contesti lavorativi analoghi.

L’applicativo è strutturato in sei sezioni, per ognuna delle quali è prevista la compilazione di tabelle sulla base delle informazioni e dei dati relativi ad ambienti, attività e procedure di lavoro aventi rilevanza ai fini dell'analisi delle fonti di pericolo biologico nello specifico contesto lavorativo.
Una volta inseriti i dati, la procedura calcola in automatico il livello di rischio associato allo svolgimento della mansione lavorativa in esame. Tutto ciò consente ai fruitori del software di individuare e pianificare gli interventi migliorativi da attuare e la loro scala di priorità.

Fonte: INAIL