Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

INAIL pubblica la scheda informativa "Lavoro agile in situazioni emergenziali. Applicazione di un modello ibrido tra lavoro agile e telelavoro"

Pubblicata dal Dipartimento innovazioni tecnologiche e sicurezza degli impianti, prodotti e insediamenti antropici INAIL una scheda informativa che analizza il lavoro a distanza, strumento individuato come ausilio indispensabile nella realizzazione delle misure di contenimento della pandemia.

Dossier Ambiente n. 123
l lavoro a distanza è stato uno degli strumenti individuati dal governo come ausilio indispensabile nella realizzazione delle misure di contenimento, nel contesto della pandemia generata dal COVID-19.

L’esperienza diffusa del lavoro agile, attuata con modalità straordinarie nella “pratica” emergenziale, ha concorso a una notevole diminuzione del rischio di esposizione al virus per una fascia estesa della popolazione ma ha anche costituito uno scenario nuovo in cui pensare il lavoro, anche in contesti in cui non era ipotizzabile la trasformazione a distanza delle modalità e delle forme dei rapporti di lavoro in relazione a tempo, luogo, strumenti dell’attività lavorativa.

LAVORO AGILE IN SITUAZIONI EMERGENZIALI
APPLICAZIONE DI UN MODELLO “IBRIDO” TRA LAVORO AGILE E TELELAVORO

PREMESSA
TELELAVORO E LAVORO AGILE: DEFINIZIONI
TELELAVORO E LAVORO AGILE: DIFFERENZE E AFFINITÀ
SOVRAPPOSIZIONE E CONDIVISIONE: CRITICITÀ


Fonte: INAIL