Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

ISPRA e ISTAT, siglato Protocollo d’intesa

Il Presidente dell’ISTAT, Giorgio Alleva, e il Presidente dell’ISPRA, Stefano Laporta, hanno sottoscritto il 30 maggio 2018 un Protocollo d’intesa, di durata triennale, che rafforza ulteriormente la collaborazione delle due istituzioni in ambito SISTAN (Sistema statistico nazionale).

Manuale di Primo Soccorso sula lavoro e in casa
ISTAT e ISPRA coprono attualmente circa l’80% dell’offerta di statistica ufficiale ambientale contribuendo, con circa 50 progetti statistici (rilevazioni, elaborazioni, studi progettuali) in materia di "Territorio e Ambiente", al Programma Statistico Nazionale 2017-2019.

ISPRA e ISTAT, infatti, sia pure con ruoli distinti e per finalità diverse, svolgono un’attività di produzione dati, ricerca statistica e studio in campo ambientale a supporto delle decisioni per l’avvio di politiche pubbliche nazionali ed internazionali.

Il Protocollo d’Intesa, di durata triennale, che il Presidente dell’ISTAT, Giorgio Alleva, e il Presidente dell’ISPRA, Stefano Laporta, hanno sottoscritto il 30 maggio rafforza ulteriormente la collaborazione delle due istituzioni in ambito SISTAN (Sistema statistico nazionale).

Tra gli obiettivi principali del Protocollo d’intesa vi è quello di soddisfare le nuove, e sempre più ampie esigenze informative, incrementando così l’offerta di dati, statistiche e indicatori ambientali.

Molteplici le iniziative previste come lo sviluppo di processi innovativi attraverso l’avvio di attività tecnico-scientifiche che prevedono lo scambio di dati e informazioni funzionali alla realizzazione di statistiche, conti e analisi ambientali, finalizzati anche ad ottemperare reciprocamente adempimenti nazionali ed internazionali; la promozione e lo sviluppo degli open data; il trasferimento di conoscenze tecnico-scientifiche a sostegno della formazione del personale, nell'ambito di appositi programmi congiunti.

Fonte: ISPRA