Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

ISPRA, presentato il "Rapporto Rifiuti Speciali" 2018

Aumenta la produzione di rifiuti speciali in Italia (nel 2016 del 2% rispetto all’anno precedente) ma anche l'attività di riciclo. L'Italia è tra i primi paesi europei per il riciclaggio dei rifiuti speciali (che nel 2016 raggiunge il 65%). Una buona notizia sul fronte dell’economia circolare.

Manuale di Primo Soccorso sula lavoro e in casa
Si è tenuta il 14 giugno a Palazzo Montecitorio la presentazione della diciassettesima edizione del Rapporto Rifiuti Speciali realizzato dal Centro Nazionale per il ciclo dei Rifiuti dell’ISPRA, con il contributo delle Agenzie regionali e provinciali per la Protezione dell’Ambiente. Il Rapporto fornisce i dati, all’anno 2016, sulla produzione e gestione dei rifiuti speciali non pericolosi e pericolosi, a livello nazionale e regionale, e per la gestione anche a livello provinciale; e sull’import/export.

Nell'ambito dell'iniziativa, il neo Ministro dell'Ambiente, Sergio Costa, ha dichiarato che bisogna "spendere bene i fondi per l'ambiente. Primo obiettivo è la riduzione dei rifiuti. Chiedo alle imprese di favorire nuove tecnologie per trasformare il rifiuto in ricchezza. Con ISPRA lavoreremo affinchè l'Italia esca dal problema amianto. E' necessario inoltre lavorare sulla tracciabilità degli pneumatici e spingere l'acceleratore sul riciclo".

Il Presidente dell'ISPRA, Stefano Laporta, ha ricordato che ISPRA ha lavorato con il Ministro Costa sulla terra "violentata" dei fuochi, e che SNPA è pronta a supportare le istituzioni, con forza, autorevolezza, indipendenza.
Il Direttore Generale dell'ISPRA, Alessandro Bratti, ha sottolineato che "la diminuzione dei rifiuti è una priorità e le imprese devono avere direttrici chiare. E' necessario lavorare di più su discariche, settore edilizio e creare mercato per i prodotti del riciclo".

RAPPORTO RIFIUTI SPECIALI
Edizione 2018


CAPITOLO 1
PRODUZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

CAPITOLO 2
GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

CAPITOLO 3
PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI SECONDO LA CODIFICA DEL REGOLAMENTO (CE) n. 2150/2002 RELATIVO ALLE STATISTICHE SUI RIFIUTI

CAPITOLO 4
MONITORAGGIO DI SPECIFICI FLUSSI DI RIFIUTI

APPENDICE 1 - CONTESTO EUROPEO

APPENDICE 2 - DETTAGLIO PER MACROAREA GEOGRAFICA DEI DATI DI PRODUZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI, ANNO 2016

APPENDICE 3 - QUADRO REGIONALE, PRODUZIONE E GESTIONE, DEI RIFIUTI SPECIALI, ANNO 2016

APPENDICE 4 – QUADRO REGIONALE DELLO SMALTIMENTO IN DISCARICA

Fonte: ISPRA