Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

ISPRA, presentato il "Rapporto Rifiuti Urbani" edizione 2019

ISPRA presenta il Rapporto Rifiuti Urbani 2019 che contiene gli ultimi dati disponibili a livello nazionale relativi al 2018. Quanti sono i rifiuti urbani, come vengono raccolti e trattati, in quali impianti vengono smaltiti e quanto costa la loro gestione agli italiani.

Devolvi il tuo 5 x mille ad Associazione Ambiente e Lavoro Internazionale ONLUS
ISPRA ha presentato alla Camera dei Deputati il Rapporto Rifiuti Urbani edizione 2019.

Sono sempre di più rifiuti i urbani da gestire: mezza tonnellata a testa nel 2018. Trend di nuovo in crescita con il PIL, urgenti politiche di prevenzione. Sette regioni su venti arrivano al 65% di differenziata fissato dalla normativa, salto in avanti per Sicilia e Molise. Impianti non al passo con le esigenze della differenziata, pochi e mal distribuiti. Organico il più raccolto, ma alcune regioni senza impianti per trattarlo. Esportate all’estero 500 mila tonnellate di rifiuti.

"Abbiamo realizzato uno studio dal quale emerge che il 15% dei rifiuti indifferenziati è costituito da rifiuti plastici, in gran parte non di imballaggio, che non vengono adeguatamente recuperati", lo ha dichiarato il Direttore generale dell'Ispra, Alessandro Bratti.

Fonte: ISPRA