Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

La campagna "CleanSeas" delle Nazioni Unite per eliminare le principali fonti di rifiuti marini

L’United Nations environment programme (Unep) ha lanciato a fine febbraio la campagna mondiale #CleanSeas per eliminare le principali fonti di rifiuti marini: le microplastiche nei cosmetici e le plastiche usa e getta. Dieci Paesi hanno già aderito con progetti molto ambiziosi che mirano a invertire il trend globale.

Devolvi il tuo 5 x mille ad Associazione Ambiente e Lavoro Internazionale ONLUS
Durante l'Economist World Ocean Summit, che si è tenuto a Bali a fine febbraio 2017, l’United Nations environment programme (Unep) ha lanciato la campagna mondiale #CleanSeas per eliminare le principali fonti di rifiuti marini: le microplastiche nei cosmetici e l'eccessivo utilizzo della plastica usa e getta entro il 2022.

Ogni anno, infatti, più di 8 milioni di tonnellate di plastica finiscono negli oceani, danneggiando la fauna marina, la pesca e il turismo con un costo di almeno 8 miliardi di dollari in danni agli ecosistemi marini.

Secondo alcune stime, al tasso attuale con cui stiamo riversando oggetti come bottiglie di plastica, borse e tazze dopo un singolo uso, entro il 2050 negli oceani ci sarà più plastica che pesce e il 99% degli uccelli marini avrà ingerito plastica.

La campagna esorta i governi ad introdurre politiche di riduzione della plastica e si rivolge alle industrie perché riducano al minimo gli imballaggi in plastica e affinché riprogettino i prodotti che ne fanno uso; infine vuole indurre i consumatori a cambiare le abitudini sull’usa e getta.

Nel corso dell’anno #CleanSeas annuncerà le misure attuate da parte dei paesi e delle imprese per eliminare le microplastiche dai prodotti per la cura personale, oppure il divieto o le tasse imposte sulle borse monouso, e così via.

Dieci Paesi hanno già aderito alla campagna attraverso progetti molto ambiziosi che mirano ad invertire il trend globale; per esempio, l’Indonesia si è impegnata a tagliare i suoi rifiuti marini del 70 % entro il 2025, l’Uruguay tasserà i sacchetti di plastica monouso entro la fine dell'anno e il Costa Rica prenderà misure per ridurre drasticamente la plastica monouso attraverso una migliore gestione dei rifiuti e campagne di informazione. Oltre a questi paesi hanno aderito alla campagna: Belgio, Francia, Grenada, Norvegia, Panama, Santa Lucia e Sierra Leone.

Intanto il colosso informatico Dell Computer ha annunciato che per l’imballaggio dei propri prodotti userà plastica riciclata proveniente dalle raccolte al largo del mare di Haiti.

Fonte: ARPAT

CHI SIAMO

Associazione Ambiente e Lavoro fondata da Rino Pavanello è una Associazione, senza scopo di lucro, riconosciuta dal Ministero dell'Ambiente...

[continua]

CERTIFICAZIONI

Sede accreditata dalla REGIONE LOMBARDIA per attivita' di formazione superiore e continua...segue

Certificato UNI ISO 29990:2011 n. P2650
---------------
Certificato UNI EN ISO 9001:2015 n. 8139