Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

La pubblicazione sullo stato dell’alimentazione e dell’agricoltura della FAO del 2020 è un focus sull’utilizzo delle risorse idriche

Il SOFA 2020, importante pubblicazione della FAO sullo stato dell’alimentazione e dell’agricoltura, focalizza la sua attenzione quest’anno sulla scarsità delle risorse idriche che per effetto dell’intensità della domanda e dei cambiamenti climatici in atto negli ultimi 20 anni sono diminuite del 20%, mettendo a rischio la sicurezza alimentare globale.

Devolvi il tuo 5 x mille ad Associazione Ambiente e Lavoro Internazionale ONLUS
Oggi, 3,2 miliardi di persone vivono in aree agricole con carenza o scarsità d'acqua elevata o molto elevata, di cui 1,2 miliardi di persone vivono in aree con vincoli idrici molto elevati. Degli 1,2 miliardi di persone, quasi la metà vive nell'Asia meridionale e circa 460 milioni nell'Asia orientale e sud-orientale. Senza un'azione immediata, molti altri saranno interessati.

La crescita della popolazione e lo sviluppo socio-economico stanno determinando la scarsità d'acqua poiché guidano la crescente domanda di questa preziosa risorsa naturale. Gli impatti previsti del cambiamento climatico, come le precipitazioni incerte e la disponibilità di acqua, esacerbano ulteriormente questi fattori. Di conseguenza, la quantità annua di risorse di acqua dolce disponibili per persona è diminuita di oltre il 20% negli ultimi due decenni.

Si tratta di un problema particolarmente grave in Nord Africa e Asia occidentale, dove l'acqua dolce pro capite è diminuita di oltre il 30% e dove il volume medio annuo di acqua pro capite raggiunge a malapena 1000 m3, che è convenzionalmente considerata la soglia di grave carenza idrica.

L'aumento dei redditi e l'urbanizzazione stanno portando a un aumento della domanda di acqua da parte dell'industria, dell'energia e dei servizi e a cambiamenti nella dieta che implicano una maggiore domanda di alimenti ad alta intensità di acqua (ad esempio carne e latticini). Diete sane che includono considerazioni sulla sostenibilità a livello di sistemi alimentari possono ridurre il consumo di acqua associato.

La crescente concorrenza per la scarsità di acqua sta alimentando tensioni e conflitti tra le parti interessate, esacerbando così le disuguaglianze nell'accesso all'acqua, in particolare per le popolazioni vulnerabili, compresi i poveri delle zone rurali, le donne e le popolazioni indigene.

A dieci anni dal 2030, le prime stime per l'Indicatore 6.4.2 dell'Obiettivo di Sviluppo Sostenibile (SDG) sullo stress idrico, insieme alla persistente carenza di acqua nell'agricoltura pluviale, suggeriscono che garantire una gestione sostenibile dell'acqua per tutti rimane una sfida.

Poiché l'acqua è strettamente collegata a molti altri SDG, non ultimo quello di raggiungere Fame Zero, gestire bene le scarse risorse idriche sarà un fattore determinante per il loro pieno raggiungimento. Il successo è ancora ottenibile, ma solo garantendo un uso più produttivo e sostenibile dell'acqua dolce e piovana in agricoltura , il più grande utente di acqua del mondo, che rappresenta oltre il 70% dei prelievi globali.

Il SOFA 2020 indica soluzioni appropriate per affrontare le sfide legate all'acqua al fine di migliorare la sicurezza alimentare e la nutrizione e garantire la sostenibilità ambientale, nello spirito dell'Agenda 2030, considerando che non esiste un approccio unico per Paesi diversi per far fronte alla carenza d'acqua.

Fonte: FAO