Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 > news in dettaglio

Le morti sul lavoro ai tempi del coronavirus, un articolo di Rassegna Sindacale

Si muore più sul lavoro che con il coronavirus, eppure nessuno si indigna e si allarma. L’assuefazione ai tre decessi al giorno rende immuni da un’epidemia senza fine lo scrive Stefano Milani nell'articolo "Il virus che uccide senza fare notizia" di Rassegna Sindacale.

Dossier Ambiente n. 123
Non per aggiungere panico a panico, ma la situazione è sfuggita di mano e diventa ogni giorno più grave. L’emergenza è ormai acclarata e le esigue misure messe in campo risultano totalmente inefficaci. La preoccupazione è corroborata dai numeri, impietosi e drammatici. Il virus è devastante, si propaga in giro per l’Italia e, nonostante le rassicurazioni di facciata delle autorità competenti, nessuno riesce ancora a sconfiggerlo. La gente si ammala, va in ospedale, muore. Esce di casa, saluta i suoi cari, ignaro che lo farà per l’ultima volta. Nessun allarmismo, è la realtà dei fatti. No, non stiamo parlando del famigerato coronavirus, bensì di un altro e ben più pericoloso batterio che contagia la nostra vita da sempre, nell’indifferenza generale: il virus delle morti sul lavoro.

Letale e implacabile, si incunea dappertutto: nella precarietà, sopra i ponteggi, in mezzo ai campi agricoli, nei cantieri, dentro le fabbriche, nelle aree contaminate, sui mezzi di trasporto. Ma è un virus pericoloso perché si insinua soprattutto nella mente di chi dovrebbe sconfiggerlo e invece resta a guardare, che siano politici incapaci o imprenditori senza scrupoli. Isolarlo si potrebbe, debellarlo pure. Il vaccino c’è già e si chiama prevenzione, basterebbe sperimentarlo ma in pochissimi lo fanno. Basterebbe seguire delle semplici e basilari regole comportamentali per non correre rischi inutili. O, ancora più semplicemente, applicare la legge. Secondo l’Inail solo in questo inizio 2020 sono aumentati del 18% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente i decessi causati da questa epidemia sociale. Per non contare tutti gli invisibili che cadono quotidianamente nell’indifferenza generale, senza fare notizia e suscitare indignazione.

Tre vittime ogni giorno altro che storie. Ma nessuno crea zone rosse, impone quarantene o ferma la serie A. Nessuno fa niente. Immobilismo totale. Non ci sono decreti urgenti, latitano i controlli sul territorio, si contano sulle dita di una mano le multe nei confronti di chi dovrebbe garantire la salute e la sicurezza dei lavoratori ma se ne infischia beatamente. Avremmo bisogno della stessa indignazione e degli stessi titoloni sui giornali usati nei confronti del covid-19. Invece niente, trafiletti sulle cronache locali se va bene. Servirebbe una consapevolezza collettiva per interrompere una striscia di sangue che macchia il lavoro. Perché una semplice passata di amuchina non può disinfettare la nostra coscienza.